Aspettando MercoLady


L’abbiamo scoperto l’anno scorso, quando The Lady, il film di Lory Del Santo messo a puntate su youtube ha avuto un incredibile successo nel web.
E’ la storia di Lona, un’improbabile e ricchissima donna d’affari che vive a Milano, nei pressi di Piazzetta Gae Aulenti, ma ha affari in tutto il mondo.
I dialoghi sono surreali, Lona ad esempio è una “Donna con la doppia A”.
Mentre qualcuno dice all’amata: “Per te farei follie esponenziali”
E un ragazzo si lamenta che su FB: “C’è un esercito clonato di gente”
Insomma The Lady non finisce mai di stupire, ha un effetto deflagrante sui neuroni, tanto che, se ogni mercolady (giorno ribatezzato così dalla stessa Del Santo, che l’ha scelto per la messa online dei nuovi episodi) ne propongo la visione a pranzo, le mie figlie mi implorano:
“Mamma nooo! Ti prego! Dopo devo fare i compiti! Se lo guardo poi non riesco più!”
Ora siamo alla seconda stagione, intitolata L’odio passionale, la trama è molto complessa, ardua da comprendere. Nell’immancabile lotta fra il bene e il male, i protagonisti sono spesso molto turbati e quando riflettono sul significato della vita, lo fanno sempre sospirando svestiti. Ma l’incredula fan base è sempre più folta. E se volete approfondire sul web si trovano molti esperti.

In giro per Milano

Oggi piove, per fortuna. Nei giorni scorsi l’aria era pesantissima e come strategia per combattere l’overdose di PM10 il Comune di Milano ha deciso una politica di sconto per incrementare l’uso dei mezzi pubblici. Così anch’io mi sono adeguata ed è andata così…

L’autobus è strapieno, sono in piedi e seduto davanti a me c’è un ragazzino di circa sedici anni che urla al cellulare: “Amoreee, ma non mi hai chiamto tu?”

“Ma come Amoreee, c’era una chiamata persa…non eri tu?”

Di solito a quell’età i ragazzi sono molto più riservati nelle faccende sentimentali, ma questo stranamente continua a squittire Amoreee ogni due parole.

“No, tutto bene Amoreee, sì sono in autobus…adesso scendo”, fa un movimento come per alzarsi. Così il ciccione trentenne con il pizzetto di fianco a lui, si alza a sua volta, per farlo passare.

Ma non è la fermata giusta. Sembra ma non è quella. Così l’innamorato si risiede e il ciccione pure. La telefonata continua.

“Sì, Amoreee, si anch’io. Ah sì, te lo spiego dopo”, si alza di nuovo, il ciccione pure. Ma sbaglia ancora.

“Amoreee, allora scendo in Dateo!”, il ciccione alza gli occhi al cielo, intercetto il suo sguardo, ci sorridiamo. Anche lui ha il telefono in mano ma whatsappa e non urla.

“Amoreee…”, finalmente è arrivato, sempre al telefono, scende.

Siamo tutti sollevati, specialmente io che mi siedo al suo posto, di fianco al ciccione. Mi giro un attimo verso di lui e vedo che sta osservando sul video del suo smartphone delle foto di donne nude, in pose abbastanza pornografiche. Distolgo subito lo sguardo, peccato sembrava un ciccione simpatico. Whatsappa ancora. Magari è solo uno scherzo tra amici.

Nel dubbio fisso due vecchiette. Fuori è buio, il bus è gremito di gente, non posso certo guardare fuori dal finestrino per distrarmi. Siamo così pigiati che per me tirare fuori il telefono per distrarmi, con qualche fico su istagram, è impossibile.

Due fermate dopo lancio ancora un timido sguardo al mio vicino e vedo la foto di una tizia in lingerie: poca lingerie e tanta altra roba. Mi sta per scappare un: “Apperò”, ma opto invece per un più neutro: “Questa è l’ultima prima del capolinea?”, e lui gentilissimo risponde.

L’autobus l’ho preso per andare a un wine-tasting (dopo lo show-cooking, non poteva mancarmi il wine-tasting!) in un posto molto molto chic.

Gente elegante, ottimo vino, bella atmosfera natalizia. Luci basse. Tante candele. Vischio e candeline. Chiacchiere, risate, pettegolezzi, auguri.

A un certo punto, sento la signora di fianco a me cacciare un urlo più acuto degli altri tipici urletti di saluto. Mi giro e vedo che la giacca dell’ignaro signore accanto a lei ha preso fuoco. Una fiammata di almeno 20cm che parte proprio dallo spacco sopra le chiappe. Urlo anch’io, il signore infiammato finalmente si accorge e come tarantolato si toglie la giacca e la butta per terrra. Poi arriva il cameriere-eroe che riesce a spegnere il fuoco. E quando una bionda molto ingioiellata chiede un po’ schifata: “Ma sentite anche voi questa puzza di bruciato?” c’è già stato il lieto fine.

 

Hello

E’ un po’ banale ma, tra le tante parodie del singolo di Adele, questa mi ha fatto ridere un sacco.
Le cose più divertenti, per me, sono:
-le unghie artiglio.
-il telefono con il bicchiere di carta.
-le mosche morte sulla mensola della finestra.
-il telefono banana ricco di potassio.
-il GoPro che lei indossa sempre sulla testa.
Ma anche quando mangia le foglie non è male 🙂

Affidiamoci alla fortuna

In coda alla cassa del supermercato.
C’è un battibecco fra la signora davanti a me e quella davanti a lei, per il posizionamento del “separatore di spesa”. La prima tizia rischia di pagare un litro di latte in più e diventa un po’ cattiva.
Il resto della fila è dalla parte della seconda tizia e quindi la signora litigiosa, dopo aver lanciato un paio di occhiate ostili, mette tutto nel sacchetto e se ne va sbuffando. Tutti fanno un sospiro di sollievo, tra l’altro era anche cessa.
Quando tocca a me a pagare la cassiera propone un bel biglietto della lotteria.
“Ha tre possibilità di vincere”
“Sì, tre su un miliardo!”, le rispondo con un sorriso, perchè da quando la signora cattiva è andata via siamo tutti più sereni.
Infatti anche gli altri in fila sono d’accordo con me: sorridono e annuiscono.
“Comunque grazie”, continuo, “ma sono a posto. Ieri sera ho giocato al lotto”
“Ah!”, fa la cassiera con sguardo interessato.”Dovrei farlo anch’io”
“Eh, sì. Saprò stasera se sarò milionaria, ho sognato i numeri”, non posso fare a meno di vantarmi.
“Davvero?”
“Li ho sognati anche vent’anni fa e ho vinto”, oggi ho proprio voglia di tirarmela.
La cassiera mi scruta con occhi diversi.
Sono lusingata. Allora cedo: “Se vuole glieli dico”
Lei smette di passare i prodotti della ragazza in coda dietro di me. Si blocca fra uno yogurth e una confezione di banane. Tira fuori il rotolo della carta dalla cassa, ne strappa un pezzetto e prende una biro, guardandomi speranzosa. Aspetta il dettato.
Intanto la fila di persone che deve pagare si è allungata.
Perciò dico: “Guardi che magari però queste persone si arrabbiano…”
“No, no, mi dia i numeri…”
Una signora da dietro fa la ola: “Ce li giochiamo tutti!”
Così snocciolo i numeri.
“Su che ruota?”
“Tutte”
La cassiera fa un’espressione perplessa:
“Milano”
“Meglio”, sorride. “Devono essere giocati tre volte”
“Certo”, confermo con aria da esperta.
E’ finalmente arrivato il momento di mettere nel portafoglio la tessera del Carrefour e andarmene.
Tutti quelli della fila mi salutanocon un bel sorriso carico di ottimismo.
“Ci vediamo ai Caraibi!”
Sì, perchè, come dicono al telegiornale, la ripresa c’è. Il PIL cresce.
Però intanto affidiamoci alla fortuna!

Contro la violenza sulle donne

Arrivo un po’ tardi, ormai è sera.
Scrivo solo adesso perchè voglio raccontare quello che ho sentito a un convegno in cui sono stata oggi pomeriggio, all‘Umanitaria. Si parlava di quello che si sta facendo concretamente a Milano. L’impegno pratico è su vari fronti. C’è il Pronto Soccorso Antiviolenza al Policlinico di Milano, fondato nel 1996 dalla ginecologa Alessandra Kustermann, che ha raccontato come in questi vent’anni la situazione è migliorata ma non significativamente. Le donne infatti che arrivano al Pronto Soccorso si fanno curare ma sempre con una gran fatica ad ammettere la violenza subita, soprattutto quando è avvenuta in ambito domestico. Quando sono vittime del partner o dell’ex partner. Molto importante in questi momenti di accoglienza e ascolto è che le donne riescano ad arginare la vergogna, sentano l’empatia, l’assenza totale di giudizio, di discriminazione in chi le accoglie.

Questa metodologia di aiuto, con la comunicazione da donna a donna, viene da lontano, è stata sperimentata per la prima volta più di cent’anni fa. E’ stata infatti messa in pratica da Alessandrina Ravizza, una signora della borghesia milanese che venne soprannominata “la contessa del brodo”, perchè era una benefattrice. Si impegnò sempre per aiutare i più deboli e fu soprattutto dalle parte delle donne. Una femminista ante litteram, la stessa che fondò il famoso “asilo Mariuccia”, assieme a Ersilia Majno, per aiutare le donne lavoratrici.
Sempre dalla parte delle donne più povere e reiette, delle donne violate e maltrattate ma anche delle prostitute. Si inventò il primo consultorio per curare la sifilide e capì anche l’importanza di fornire, così in anticipo rispetto ai tempi, l’importanza di dare una seconda possibilità a queste donne, di fornire loro un’educazione professionale per riuscire a mantenersi e sfuggire alla fame e alla miseria e alla violenza.
Per ironia della sorte oggi a Milano il suo nome fa venire alla mente un parco (che le è stato intitolato), e questo parco anni fa è stato anche al centro di uno scandalo perchè luogo di prostituzione, maschile però questa volta.

Un altro aiuto concreto alle donne che vogliono sfuggire ai maltrattamnti domestici (le statistiche confermano che la violenza nasce soprattutto in casa) arriva dalla Casa delle Donne maltrattate, un’organizzazione che è nata a Milano all’inizio degli anni’80 e offre a chi ne ha bisogno un aiuto concreto (con supporto economico, psicologico e legale) per almeno un anno.
Al convegno c’erano anche un’avvocato e una giudice, che hanno purtroppo ammesso che a livello legale c’è ancora molto da fare: alla Procura di Milano i casi di insabbiamento delle denunce che riguardano la violenza sulle donne, soprattutto quella psicologica e lo stalking, sono da record. Non ci sono i mezzi per fare le indagini e una volta arrivato in tribunale il caso viene archiviato per mancanza di prove e derubricato come conflitto di coppia!
Il divario fra i buoni propositi (teorici) della legislazione e la pratica, come sempre nel nostro Paese, è enorme. Proprio il giudice ha rivelato che nonostante l’esistenza dell’art.583 del Codice Penale che identifica l’infibulazione come reato, nonostante sia ancora diffusissima, anche da noi fra le bambine immigrate, a Milano non c’è mai stato un processo perchè non è mai stata presentata una denuncia.
Questo significa che nonostante i passi avanti legislativi, il problema più grave è quello culturale. Non solo fra le donne straniere ma anche fra le italiane, perchè la violenza contro le donne è ovunque a prescindere dal ceto sociale, dall’etnia e dalla religione. La crisi ha acuito l’aggressività e i 114 casi di femminicidio registrati lo scorso anno lo dimostrano drammmaticamente.

Mai più spose bambine

Schermata 2015-11-19 alle 16.21.43

 

Sono 37.000 ogni giorno nel mondo le bambine e adolescenti costrette a sposare, per doveri di famiglia, per interesse, uomini molti più anziani di loro. Per cercare di limitare e fermare questa barbarie, è stata lanciata Desideri all’asta, un’iniziativa di Amnesty International. E’ un’asta benefica su Ebay (online da ieri fino al 16 dicembre), che sostiene la campagna “Mai più spose bambine”.

I premi da aggiudicarsi sono divisi in quattro lotti, per partecipare e avere tutti i dettagli cliccate qui. Scoprirete come vincere un aperitivo con Claudio Santamaria, una lezione di basso con Saturnino, oppure la camicia di Ligabue o il giubbotto autografato di Fedez indossato nel video di 21. E ancora  due biglietti per assistere allo spettacolo Casa di bambola con Filippo Timi, in programma al Teatro Franco Parenti di Milano, con la possibilità di incontrare l’attore nel backstage. Per gli appassionati d’arte, infine, c’è l’opera La signora e il nano di Dario Fo, con autografo e dedica personalizzata. Ma in palio c’è anche tanto altro, per soddisfare ogni tipo di fan e passione.

Banner_Desideri all'asta

I fondi di queste vendite servono per sostenere la campagna “Mai più spose bambine”, contro i matrimoni precoci e forzati, per realizzare un cambiamento positivo nella vita di donne e bambine a cui vengono negati libertà, giustizia e diritti umani.

Secondo le stime del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, infatti, 13.5 milioni di ragazze ogni anno nel mondo sono costrette a sposarsi prima dei 18 anni, con uomini molto più vecchi di loro: bambine alle quali, viene rubata l’infanzia.
Isolate, tagliate fuori da famiglia, amicizie e anche da qualsiasi altra forma di sostegno, perdono la libertà e sono sottoposte a violenze e abusi.
Amnesty International Italia intende sensibilizzare l’opinione pubblica su questo fenomeno che si radica nella povertà, nella discriminazione e nell’arretratezza culturale. Vuole incrementare l’attenzione dei governi nei Paesi in cui è presente questa pratica, affinché sia bandita. Cercando anche di favorire l’avvio di indagini imparziali, tempestive ed esaurienti su ogni denuncia di violazione dei diritti umani.
Per fare in modo che questo obiettivo si concretizzi, guardate questo video.
Vi verrà da piangere, come a me, e allora cercherete a tutti costi di procurarvi quel famoso giubbotto di Fedez!

Phishing: come non abboccare

Mi è arrivato un comunicato stampa dove si lancia l’allarme sul phishing dilagante in rete legato al boom dei siti per cuori solitari. Pare che molti (nel mondo sono circa 40 milioni gli iscritti al dating online) siano particolarmente sensibili e quindi vulnerabili alle email che arrivano non attraverso il sito, ma nella casella di posta personale, raccontando di essere “un contatto perduto” del sito di appuntamenti.
“Ci si era sentiti qualche tempo fa, poi ho perso la tua mail…”
Quindi le raccomandazioni, più che ovvie, sono di non rispondere mai a questo tipo di email, anche perchè spesso, devono subito insospettire perchè sono sempre sgramamticate. Però divertenti.
Per esempio se arriva sono Mario Rossi (invece di Maria o Marion perchè l’hacker non sa tanto bene l’italiano), ho la quarta di reggiseno e una gran voglia di vederti, è chiaro che c’è qualcosa che non quadra.
A me ne arrivano molte in francese da Julie, Astrid, Myriam, Sandy: dicono tutte di abitare vicino a me ed essere libere stasera. Ma dopo i fatti di Parigi, tutte queste francesi in calore non mi fanno neanche più ridere, solo tristezza.
Ma a parte questo tipo di phishing, pensato per i più arrapati (quelli più a rischio, recita il comunicato, sono i maschi dai 18 anni in su, quindi una categoria piuttosto vasta), in rete ne sta girando un altro che invece arriva attraverso un’email dei nostri contatti (quindi inizialmente desta meno sospetto) che ci scrive per confermare che possiamo guardare quel documento, quelle foto, quel contratto, ecc su un link di google drive, sulla nuvola. Qui la certezza del phishing, oltre al fatto di non aver nessun documento in sospeso con quella persona, arriva dall’osservazione dell’indirizzo del link. Alle volte è contratto per confondere meglio, altre ha strane sigle. Il fine di questa esca è quello di rubare la password di google, dettagli della nostra identità e approffitare dell’approffitabile.

Gauguin: racconti dal Paradiso, un po’ al buio

Come ho già scritto, martedì scorso sono stata all’inaugurazione del Mudec e oltre alla mostra di Barbie, ho visto anche quella di Gauguin, che ha come sottotitolo “Racconti dal Paradiso” perchè il pittore francese ha passato gli ultimi anni della sua vita in Poinesia, dipingendo molti paesaggi e moltissime bellezze del luogo e prima aveva anche vissuto in Martinica, luogo altrettanto paradisiaco.

E’ una mostra molto interessante di circa 70, oltre a quelle di Gauguin ospita anche quadri di Pissarro, Cezanne e Van Gogh. E c’è anche il famoso Autoritratto con Cristo Giallo, prestato dal Musèe D’Orsay di Parigi.

Schermata 2015-11-03 alle 16.00.02

Tutto meraviglioso, peccato che le sale siano così buie che si fa fatica a vedere, sono penalizzate soprattutto le sculture. Devo ammettere che quando ho visitato la mostra era ancora in stato di allestimento, per cui le schede messe di solito di fianco ai quadri in un luogo un po’ luminoso, erano ancora appoggiate per terra e di fianco ai quadri c’era solo lo scotch che indicava il luogo esatto dove porle. Ma a parte questo, era veramente troppo buio.
Ho sentito (giuro) una collega esclamare, esasperata: “Ma qui non si vede una cippa!”
E non potevo certo darle torto.
Più che ammirare una mostra sembrava di cercare qualcosa in cantina. Ma il buio fa tendenza, anche nei negozi alla moda, il primo a sperimentare questa mancanza di luce è stato Abercrombie&Fitch, per essere fichi si sconfina nella tenebra!

Barbie forever!

Ieri ho partecipato all’inaugurazione del Mudec, il nuovissimo Museo delle culture (occupa uno spazio vastissimo nell’edificio dell’ex Ansaldo) e dopo la falsa partenza di sei mesi fa, oggi apre finalmente al pubblico. Dopo una conferenza stampa fiume, di quasi due ore, in cui pochi sono riusciti a resistere e moltissimi si sono imboscati nella caffetteria, c’è stato l’atteso momento del tour nel museo. Oltre all’esposizione permanente, che ha un ampio programma di corsi, mostre e approfondimenti dedicati a tutte le culture del mondo, per il debutto ufficile del Mudec sono state scelte (chissà perchè?) due mostre agli antipodi: una retrospettiva su Barbie e Racconti dal Paradiso dedicata a Paul Gauguin, il pittore francese che dopo una vita intensa e giorovaga finì i suoi giorni in Polinesia ed è famoso al grande pubblico per i ritratti esotici delle bellezze del luogo.

Barbie_14

la prima Barbie nel 1959

Per quanto ami la pittura di Gauguin (su cui farò un altro post) il mio spirito kitsch mi ha spinto a iniziare il mio giro con la mostra della bambola più famosa del mondo. Il cui successo ha travalicato il concetto stesso di bambola.
Perchè Barbie oramai è un’icona, un’immagine, un personaggio.

“Oggi Barbie alle bambine non piace più, preferiscono le Winx”, diceva con rimpianto un’elegante signora, di una certa età, mentre si aggirava trasognata fra le installazioni della mostra dove in teche di vetro si poteva ammirare Barbie, declinata in mille sfaccettature.
“…mentre è meravigliosa, queste ragazzine proprio non le capisco”, sospirava la signora, con un po’ di delusione, scuotendo la testa.
Dalle Barbie storiche a quelle couture, fino all’ipotesi più surreale Barbie-l’icona che impersona altre icone, come ad esempio, Marylin Monroe, Grace Kelly, Olivia Newton John in Grease, Audrey Hepburn, Scarlett O’Hara e anche, addirittura, Elisabetta I.
A Barbie hanno fatto fare di tutto: il dottore, la regina, il pilota d’areo, catwoman, la sirena, la sposa, l’astronauta, la cuoca, la cantante rock, ecc. Ma lei non è mai cambiata. Sempre uguale, dalla nascita, per 56 lunghissimi anni. Anche con i capelli e il trucco diverso, ha lo stesso corpo, gli occhioni spalancati con le ciglia chilometriche e le stesse manine con le dita un po’ piegate.
Per questo le bambine in fondo Barbie non piace tanto: è troppo perfetta, allora si merita le torture. Chi non ha mai sperimentato su Barbie un drammatico e violento make-over?
Le si tagliano i capelli, si colorano gli occhi e le labbra con i pennarelli, si spoglia, si verifica il suo corpo da adulta e si continua con le sopraffazioni. Da piccola, ad esempio, con un piercing ante-litteram volevo infilarle due spilli nei capezzoli (ero già disturbata allora). Barbie paga per il suo modello di bellezza irraggiungibile, foriero di frustrazione per le ragazze vere. E paga anche perchè si è fidanzata con quel bietolone di Ken, un compagno che, certo, non le ha mai invidiato nessuna.
Barbie e Ken, 1961

Ma la mostra del Mudec è bellissima, colorata e divertente.
La parte meno intrigante è quella dedicata ai gadgets del mondo di Barbie, il castello, il camper, le auto, e tutti quegli altri oggetti che hanno costruito per renderla più concreta, più terrena. Ma è un progetto impossibile perchè la grandezza di Barbie è quella di rimanere un’immagine, un sogno.
Chissenefrega se va a fare un picnic con Ken e con quella minus habens di sua sorella Skipper!

Barbie's evolution style (Collectors edition)

L’album dei ricordi con Imprify

Il mio social preferito è Istagram così scatto e carico un sacco di foto, peccato che ogni tanto il telefono mi avverta che sono troppe, sto finendo lo spazio, devo scaricarle sul computer e questo mi scoccia sempre perchè perdo di vista momenti divertenti, emozionanti o importanti degli ultimi mesi. Ci sarebbe anche il cluod ma da quando la povera Jennifer Lawrence ha fatto quella figuraccia con le sue foto nuda rubate dalla nuvola mi fido meno.

Ok, non sono Jennifer… ma meglio essere cauti.
Tutto questo per dire che quando miè stata offerta la possibilità di scaricare le foto preferite su l’app di Imprify ho accettato volentieri. Anche perchè è facilissimo, si può usare con qualsiasi tipo di smarphone, basta scegliere 22 scatti, la copertina, il colore della carta ed è fatta.
In circa tre giorni arriva a casa un photoalbum perfetto.

Desde_movil

Ho scelto le foto delle vacanze, quelle dei momenti più divertenti e sono stata molto contenta del risultato: la copertina è in stoffa, la carta delle foto bella e l’impaginazione grafica a regola d’arte. Avrei anche potuto aggiungere un testo, una dedica o una frase complice o simpatica per sottolineare il ricordo di certi istanti, ma ho preferito censurarmi e far stampare un sobrio “Vacanze 2015”.

IMG_6885

La copertina che ho fotografato anche sul balcone per aggiungere un “caldo” effetto giungla.

 

 

IMG_6881
Imprify photoalbum può essere un regalo per i nonni, per gli amici, per una coppia, per i narcisi che vogliono che un selfie, meglio una serie di selfie, sia per sempre. Se volete un’ispirazione per personalizzare l’album o sbirciare in quelli degli altri potete andare sui sui social di Imprify: FB, twitter e instagram. Se invece volete ordinarne uno, cliccate in questa pagina con il codice E53C62, avrete il 20% di sconto sul prezzo di € 19.90, avete tempo fino al 1 giugno 2016.

IMG_6890

IMG_6891

post sponsorizzato

 

Starbucks: caffè ma non solo…

Di oggi la notizia che la catena americana Starbucks sbarcherà a Milano. Sono contenta anche se mi chiedo quali adattamenti saranno necessari per essere competitivi nel nostro mercato, ma forse non è neanche così importante scraniarsi troppo per trovarli. Starbucks piace molto ai più giovani, che amano da matti immortalare le loro consumazioni con il celebre logo bianco e verde, su Snapchat e su Instagram. Proprio grazie a questa passione con le mie figlie, viaggiando mi sono sciroppata molti Starbucks in luoghi diversi. E ho imparato una cosa: in questi locali all’estero non si va solo per bere il caffè, oooops… il frapuccino, moka latte, chai latte o similia, si va per il free wi-fi ma soprattutto, inutile negarlo, per andare in bagno.
Sì perchè, sarò prosaica, ma come ho scritto più volte, quando si viaggia trovare una bella toilette, vale certo il prezzo di un capuccino, tre volte più caro che in Italia. E di solito accedere ai servizi di Starbucks è facile, non ci vuole nemmeno il codice da digitare. Questa comodità non è un segreto, infatti mi ricorderò sempre di un pomeriggio in un glorioso Starbucks parigino, un posto molto bello vicinissimo all’Opera. Siamo entrate per i motivi suddetti (in ordine di importanza): gabinetto, wi-fi, caffè.
Gli ultimi due obiettivi siamo riuscite a raggiungerli facilmente mentre l’accesso ai servizi è stato da subito molto più arduo. C’era una fila lunghissima davanti ai servizi. Così bevuto il caffè, surfato un po’ sulla rete e aspettato. La fila di ragazzine in coda davanti all’ingresso del bagno sembrava perpetua. La cosa più strana era che dal bagno non usciva nessuno mentre la linea di attesa si infoltiva sempre di più. A un certo punto mi sono insospettita e così un po’ all’italiana, da impicciona o da giornalista investigativa, sono entrata nell’antibagno per capire cosa stesse succedendo. Dentro ho trovato un barbone felice, un vero clochard parigino, in mutande (di un idefinibile colore beige) sui sessanta-settanta, con capelli grigi lunghi e barba en pendant che si faceva una toilette completa. Anche lui non era andato da Starbucks per il caffè.
Gli ho detto “Bonjour” e sono andata in bagno. Poi uscendo ho consigliato alle ragazzine di entrare e ignorarlo. Alcune l’hanno fatto, mentre altre se lo sono tenuta.

Tutto nuovo

Dopo otto anni di blog e un po’ (molta) negligenza da parte mia, ero arrivata davanti a un bivio (immaginiamolo con un’aiuola in mezzo, perchè la foto del bivio nudo e crudo non ce l’ho): sparire o rinascere.

Ho deciso di essere positiva e farlo evolvere: cambiando la grafica, aggiungendo un sacco di foto (che mi stanno facendo diventare matta) e dividendo i post per argomenti, categorie. (diario, libri, benessere, cinema, cucina, vita da cani, viaggi). E’ stato un po’ come fare un trasloco e svuotare gli armadi. Ho trovato un sacco di cose che non ricordavo di avere (scritto). Mi sono vergognata, ho riso e  anche un po’ commossa rileggendo certe storie dei vecchi tempi, quando le ragazze erano piccole.

Ho cercato di catalogare, smistare, spolverare. Ci saranno ancora un po’ di aggiustamenti, scusate se trovate un po’ di caos. Il piano è di rendere il blog sempre più ricco e interessante. Spero di riuscirci, ci saranno anche altre novità, la prima riguarda la categoria cucina. La food blogger che è in me ha prodotto post allegri ma non proprio professionali perciò ho deciso di delegare l’argomento ad Anita che nel frattempo è cresciuta, ha imparato a cucinare e si è appassionata al cibo vegano, in particolare raw quindi avrà il suo spazio con ricette di dolci raw vegan. 

(Insomma una cosa molto all’italiana della serie “parenti di”).

Tra l’altro, questi dolci non fanno ingrassare quindi ci si può ingozzare tranquillamente e questa mi sembra un buona notizia.

Spero che il nuovo blog vi piaccia: aspetto pareri e consigli!

 

Madonna, l’irriducibile

L’ebbrezza pericolosa dei soldi che danno potere e regalano una visione distorta della realtà. Di brutti esempi di questo tipo nei abbiamo visti molti, soprattutto nella cronaca recente.
E’ un errore in cui di solito incappano gli uomini. Perchè sono loro in genere i più ricchi e potenti.
Qui però è triste perchè c’è un brutta versione al femminile.
Madonna quando ha scelto di girare questo video (e atteggiarsi, trent’anni dopo l’inizio della sua carriera, ancora da giovane sexy e maledetta) avrà fatto una cavolo di riunione con qualcuno del suo staff, un brain storming per spiegare la sua grande idea, per illustrare dove voleva andare a parare. Perchè nessuno ha avuto il coraggio di dirle che magari non era il caso di fare finta di essere coetanea di Miley Cyrus? Nessuno le ha detto che sarebbe stata ridicola? Nessuno ha tossicchiato insistentemente quando lei spiegava come avrebbe twerkato?
Ovvio, sono stati tutti zitti, tutti yes men, tutti conniventi perchè lei è il capo.
E ha sempre ragione. Ha potuto anche comprarsi gli artisti che sono apparsi nel video e andare avanti con il suo progetto.
Madonna mi è anche simpatica, conosco tutta la sua biografia, abbiamo figli più o meno della stessa età e per un mesetto l’ho anche seguita su istagram, quindi mi dispiace vederla conciata così.

Mi fa tristezza con quella brutta tinta nei capelli e con quel vestito stampato animalier, che sarà anche costato una cifra, ma non la fa apparire ironica e ribelle, solo patetica.
E leggendo i commenti, cattivissimi, sotto il video ho capito che molti condividono la mia opinione.

La vita è bizzarra

Perchè a volte sembra davvero farsi beffa di noi.
Per tutta la mia esistenza ho combattuto con i capelli ricci, crespi, indomabili, inaffidabii, ribelli. Il mio grande desiderio era sempre stato quello di avere una capigliatura diversa, liscia e tranquilla. E l’autunno scorso finalmente, quasi magicamente ho realizzato il mio sogno.
Qualche tempo fa ho rifatto il trattamento e…ultimamente la mia vita fa abbastanza schifo, ho un sacco di problemi in tutti i campi (anche per questo scrivo poco) ma i capelli sono sempre perfetti.
In ogni occasione.
Incredibile.
Nella cacca con un’acconciatura impeccabile.
Mi sento anche un po’ presa in giro. Non dal parrucchiere (che ha fatto un lavoro egregio) ma dal destino.
L’ultima prova della tenuta impeccabile della mia capigliatura l’ho avuta al mare. Tutte le estate precedenti era stato un incubo. Il caldo, la salsedine, l’umidità avevano sempre giocato contro.
Se osavo infilare una spazzola tra i miei capelli, si incastrava e non la recuperavo più.
Questa volta invece 100 colpi di spazzola prima di andare a dormire che neanche Melissa P. Tristissima ma ben pettinata con un carrè perfetto, lucido e morbido, da giapponese.
Cosa vuole dirmi il fato?
Potrei aver fatto inavvertitamente un patto con il diavolo?
L’anticrespo al posto dell’anticristo?
Ho desiderato l’indesiderabile e sono stata punita?
Voglio tornare arruffata e felice!

 

Operazione nostalgia

fornovo
Tutto stranamente piccolo: in scala ridotta. Sono tornata nel paese dove ho trascorso i primi nove anni della mia vita e quello che ricordavo c’era ancora ma era rimpicciolito.
Perchè quando vivevo lì ero di taglia minuscola.
Sono tornata nella chiesa dove ho fatto la prima comunione da sola, perchè nella domenica giusta avevo un gran febbrone. Ho rivissuto il panico e la vergogna di quando ho dovuto attraversare la navata da sola. Mi sembrava di avere tutti gli occhi addosso e di dover percorrere chilometri, mentre invece ho scoperto che in realtà erano solo pochi metri.
chiesa
Poi mi sono ricordata del bambino di cui mi era innamorata all’asilo: lo vedevo solo oltre una rete, perchè le suore erano severissime e odiavano la promiscuità, poteva essere pericolosa!
Perciò maschi da una parte e femmine dall’altra.
Così lui era bello e irrangiungibile. Però sapevo il nome e il cognome. E quel cognome l’ho visto su tutte le auto in giro nel paese: ha una concessionaria.
Poi c’era invece una bambina bastarda, più grande. Si divertiva a giocare con me per comandarmi e farmi paura. Un brutto giorno mi aveva convinto che sarei andata in prigione perchè avevo rotto il porta matite di suo fratello (accusa oltrettutto falsa) e così ogni sera che in tv c’era una certa sigla di musica sinfonica dai toni cupi e roboanti, mi mettevo a piangere e correvo a nascondermi a letto per non farmi trovare dai carabinieri che sapevo sarebbero arrivati a minuti.
(Naturalmente l’amichetta mi aveva ordinato di non dire niente a mia madre)
L’incubo è durato per almeno un anno.
Così sono andata a cercare la casa dove viveva questa ragazzina, era una palazzina nel centro del paese. Abita ancora lì e c’era anche una bella targa sul portone.
Volevo fare un graffito minaccioso con scritto “a volte ritornano…la pagherai…” ma sono stata una signora e mi sono trattenuta.
Poi ho visto la strada dove ho imparato ad andare in bici, la mia scuola, il panettiere e anche la panchina davanti al Comune dove, a sette anni, andavo a giocare con una mia amica e facevamo finta di essere grandi: avere quattordici anni e sette figli!

1 2 3 4 5 7