L’incubo dei compiti

La notizia era ieri sul Corriere della Sera, ripresa dal Daily Mail: gli scolari inglesi da una ricerca del’Unicef sono risultati i più infelici, al 21mo posto mentre gli italiani sono piuttosto sereni: stazionano a metà classifica. Secondo l’Associazione degli Insegnanti questa infelicità può essere causata dai compiti a casa che “aumentano la pressione sugli studenti e non migliorano l’istruzione”. E così i membri di questa associazione stanno valutando la possibilità di abolirli. I bambini sono stressati dalla mole di compiti che creano anche discriminazione: quelli con i genitori più istruiti e disponibili riescono a farli bene perchè seguiti da mamma o papà. Mentre gli altri, abbandonati a se stessi, perchè i genitori non hanno tempo nè voglia, non fanno i compiti o li sbagliano. E una volta a scuola fanno figuracce con gli insegnanti e vengono redarguiti. Sul Daily Mail ho scoperto che anche David Beckham, non certo famoso per il suo intelletto, ha avuto problemi a seguire nei compiti di matematica il figlio Brooklyn quando questo aveva solo sei anni e ha dovuto chiedere aiuto alla Spice. Ieri in una riunione di classe (sono purtroppo rappresentante nella classe di Emma) ho approfittato della notizia per chiedere alle maestre un parere sulla decisione dei colleghi inglesi. Apriti cielo: i compiti si fanno e non si riducono. Ma i genitori hanno l’obbligo di seguire e aiutare i pargoli? Solo controllarli, mi è stato risposto gelidamente. Con Anita mi è andata di lusso: ha sempre provveduto autonomamente. E infatti adesso che devo rincorrere Emma con diario alla mano per sapere cosa deve fare, la mia primogenita mi guarda accusatoria e mi dice: “Perchè l’aiuti? Con me hai studiato solo le conifere!”. E’ vero. Infatti ora sulle conifere sono molto preparata e quando andiamo in montagna sfoggio la mia cultura. All’inzio avevo provato ad abbandonare Emma al suo destino, ma al momento del bacio della buonanotte, prima di chiedere gli occhietti e abbandonarsi serena sul guanciale stringendo il suo pupazzo, troppo spesso capitava che lanciasse un grido lancinante: “Ho dimenticato di colorare! Dovevo studiare la poesia”. Si metteva a singhiozzare disperata e allora io facevo le ore piccole a colorare fotocopie in bianco e nero. Dovevo anche farlo in un certo modo, “però non troppo da mamma, altrimenti le maestre se ne accorgono”. Ho anche scritto un sacco di giustificazioni sulle poesie non imparate. Altre volte dimenticava a scuola proprio “quel quaderno”, indispensabile per i compiti. Altre volte, la domenica sera, quando stava per chiudere lo zaino, si buttava a terra lanciando un acutissimo un grido di dolore (come le comari che in meridione erano pagate per piangere ai funerali) e tra le lacrime gridava: “Non ho finito le schede!”. E allora via con una bella sgridata e un’altra vergognosa scusa scritta sul diario. Per questo i genitori odiano i compiti e su sul tema fra le mamme e le maestre è da sempre guerra fredda, anzi glaciale. Sempre ieri alla riunione di classe un’altra maestra ha sentenziato, per liquidarmi: “I compiti indicano il metodo di studio, chi l’impara andrà bene dall’elementari fino alle superiori”. Sottintendendo: altrimenti ciccia, sono cavoli vostri, cari genitori fannulloni!

E’ solo una questione di ossitocina?

Su “D” il supplemento di sabato de “La repubblica” c’era un articolo molto interessante su un libro The Sexual Paradox: Men, Women and Real Gender Gap della psicologa americana Susan Pinker. L’autrice sostiene, provocando molte polemiche, che l’impossibilità delle donne di “avere tutto” (carriera & famiglia felice) è soprattutto una questione di ormoni. Certo le condizioni cuturali e sociali influiscono, ma in fondo le donne non vogliono la carriera clonando il comportamento maschile perchè sono “ripiene” di ossitocina e prolattina. Il primo ormone ha dei picchi durante la gravidanza, l’allattamento, il parto, l’orgasmo e anche quando ci si bea degli abbracci e delle coccole ai propri cuccioli. La prolattina si attiva “a manetta” durante l’allattamento e potenzia la voglia di nutrire e proteggere la prole. Questi ormoni hanno anche un effetto euforizzante e anestetizzante sulle donne e le rendono più inclini all’accudimento. Anzi aiutano ad essere più recettive nei confronti del prossimo, a provare empatia a leggere le emozioni sul viso degli altri. Mentre il testoterone, secreto in maggioranza dagli uomini, può alterare alcune connessioni neuronali legate all’interpretazione degli stati emotivi del prossimo.
(Vi viene in mente qualcuno di sesso maschile che conoscete bene?).
Le storiche femministe americane sono insorte davanti a questa teoria per loro svilente. Io credo nella potenza degli ormoni ma anche all’impossibilità di conciliare tutto se non si hanno, oltre a delle superpalle, molti vantaggi di partenza. Di solito sui quotidiani quando c’è il servizio “super mamma in super carriera” si intervistano Marina Berlusconi e Jonella Ligresti. Chissà perchè.
Un’altra cosa carina che ho letto, ripresa da un articolo del New York Times, riguarda sempre la differenza fra i sessi: ora negli States, in California, ci sono corsi, tenuti da tutor da 100 dollari all’ora, che insegnano ai ragazzini maschi delle medie a tenere in ordine fogli e appunti nel loro zaino della scuola. I ragazzi, essendo maschi, non sono multitasking (non possono fare/pensare più di una cosa alla volta) perciò il tutor li aiuta a catalogare e dividere a seconda delle materie. A organizzare in maniera più logica la loro borsa per la scuola. Da questo a imparare a trovare camicia e calzini nel cassetto del comò il passo può essere breve.

Festa di compleanno 2

Un freddo polare ha accompagnato tutto il nostro week-end fuori porta. Emma, sabato, era insopportabile: la gelosia per il compleanno della sorella l’ha fatta regredire allo stadio di treenne problematica. Appiccicosa come una cozza. Il momento magico di questo semi-tragico fine settimana è stata però la scoperta dei Giardini di Sigurtà, un meraviglioso e gigantesco parco botanico sulle rive del Mincio. In altre parole l’unica attrazione per famiglie aperta nella zona. Si può visitare a piedi, in golf-cart (come abbiamo fatto noi) o meglio ancora, se il tempo lo permette, in bici. A noleggio ci sono modelli per tutta la famiglia: dalle piccole con le rotelline di supporto a quelle con il seggiolino porta bebè. Nel parco si scoprono laghetti, piante officinali, fiori meravigliosi, luoghi per picnic, daini e simpatiche caprette tibetane da sfamare con il fieno. La razza è quella dei pashmina e con il freddo che faceva ho avuto anche la tentazione di rubarne una per farmi una sciarpetta. Poi siamo stati a Verona e abbiamo visitato l’Arena, e menomale che qualche settimana fa abbiamo visto Asterix alle Olimpiadi, così l’antico monumento romano ha potuto essere apprezzato anche dalle mie infreddolite bambine. Anita comunque era abbastanza di buon umore perchè abbiamo anche trovato, aperto, un negozio che vendeva abbigliamento per skate-board e ha comprato tre spilline. Poi tra i regali del compleanno ho ricevuto un libro che l’ha particolarmente divertita: Diario di una schiappa, storia di un ragazzino figlio di mezzo e perciò negletto che, proprio come in un vero diario con disegni e scrittura infantile, racconta le peripezie quotidiane di un dodicenne che deve affrontare il mondo.

Festa di compleanno


Domani è il compleanno di Anita: 11 anni. Emma le ha detto con un ghigno: “Adesso non sei più una bambina” e Anita ha risposto che si rimane piccoli fino a 14 anni. Vedremo. Di solito i compleanni non mi colgono impreparata. Anzi. Ho sempre esagerato: party in ludoteca, clown come animatore, laboratorio con i burattini, caccia al fossile, mago-party e via a sperperare. Inviti creativi. Torte bellissime con panna, meringhe e pan di spagna, abbellite da disegni quasi da Cappella Sistina, versione cartoni animati: Biancaneve, Pippo, i dalmata de La Carica dei 101, Shrek, ecc. Soldi buttati perchè ai bambini queste torte troppo sofisticate non piacciono e le mamme sono a dieta. Due anni fa, mi sono fatta furba e ho cominciato a comprare al supermercato la busta al cioccolato che per trasformare in torta basta versare in una terrina e mettere in forno. Si aggiungono sopra gli smarties e le decorazioni di zucchero (che di solito non si attaccano, ma qualche volta sì) e Anita è felice. Divora la sua fetta. Quest’anno avevo deciso di festeggiare il gran giorno a Gardaland. Non ci siamo mai stati ed era giunta l’ora. Ho prenotato anche per dormire in un agriturismo della zona. Organizzazione perfetta per sentirmi una brava mamma. Peccato che l’altra sera mi telefoni la madre di un’amichetta per invitare Emma a un compleanno proprio domani. Le dico che non possiamo accettare l’invito perchè andiamo a Gardaland e lei mi ricorda che è chiuso, apre il 19 marzo. Non volevo crederci. Dopo una giornata di panico e una figuraccia con Anita, abbiamo deciso di andare comunque in gita… e promesso di cercare delle rampe per far fare skate-board (l’ultima mania di Anita)…Gardaland è rimandata alle vacanze di Pasqua.

Dal Catalì Cammello a Shaggy


Quando ero incinta di Anita, prima di finire in ospedale e rischiare di perderla, ero un po’ presuntuosa (anche cretina) e pensavo che avrei parlato a mia figlia in inglese sin da subito, tanto per metterci avanti…Poi nella notte della grande strizza, quando ero in sala travaglio e stavo per partorire, sono ridiscesa con i piedi sulla terra e mi sono ripromessa, se le cose fossero andate bene, di evitare stupidi snobismi/bilinguismi. Però l’idea dell’inglese mi è rimasta e così verso i sei mesi ho cominciato a farle ascoltare in auto nursery rhymes, le canzoncine in inglese per i bebè. Un pizza mostruosa, soprattutto quelle dedicate ai più piccoli, ma una bella figlia poliglotta valeva il sacrificio! Poi siamo passate alle melodie di Winnie Pooh e sono stati anni molto bui. La voce del simpatico orsetto può essere letale. Dopo è arrivata Emma e abbiamo continuato con le nostre colonne sonore ad hoc in ogni tragitto in auto. C’è stato anche un breve momento dello Zecchino d’oro, gettonatissimo il Catalì Cammello. Poi un bel giorno ho deciso che eravamo pronte per un’evoluzione e abbiamo traghettato verso i Beatles e siamo felicemente arrivate al rock’a billy e un po’ di Elvis (che amavo molto in gioventù). Le ragazze non hanno fatto una piega, a parte canticchiare in un inglese maccheronico “Be bop a hula” e “Lucy in the sky with diamonds” e litigare per chi doveva aggiudicarsi il brano. Finchè non hanno sentito un CD di Shaggy e avuto un’illuminazione. “It wasn’t me” che racconta di come lui beccato a fare sesso sul pavimento del bagno con la vicina di casa, si dichiari innocente dicendo: “Non sono stato io”, le ha letteralmente conquistate. Adesso amano il rap e la capacità di capire l’inglese mi si ritorce contro…così ho cominciato a comprare le colonne sonore dei film che abbiamo visto. Il più recente è quella di “Alvin Superstar” dove gli scoiattoli hanno una vocetta che perfora timpani e nervi, ma almeno si mantengono casti.

Un libro e un po’ di biografia

In questo periodo i prematuri sono di moda (sic!) quasi tutti giorni ci sono articoli sui maggiori quotidiani che riguardano questi piccoli nati troppo presto. Su La Repubblica, se ne parlava ieri e anche oggi (ma gli articoli non sono on-line e non posso “linkarli”). Sul settimanale Oggi di questa settimana c’era un servizio con storie e foto, tutte a lieto fine fortunatamente. Questi neonati sono al centro dell’attenzione perchè a causa delle legge 194 vengono “sfruttati” anche politicamente con polemiche che fanno molto male alle mamme che hanno vissuto in prima persona un parto prematuro. Le statistiche dicono che negli ultimi dieci anni nei paesi industrializzati il numero dei prematuri è aumentato del 20% (le cause sono varie ovviamente e non facili da catalogare). In Italia le unità di terapia intensiva neonatale sono solo 120. Vengono considerati prematuri tutti i bambini nati prima della 38ma settimana. Le mie figlie sono entrambe premature perchè ho avuto un tumore al collo dell’utero (papilloma virus, anche questo ultimamente molto di moda) e me ne hanno tagliata via una fettina, quindi è più corto. E le mie gravidanze erano a rischio. Non ho voluto fare il cerchiaggio, perchè consideravo la percentuale abortiva troppo alta, così con Anita sono finita all’ospedale rischiando un parto prematuro alla 29 settimana. Poi sono rimasta ferma immobile (con la puntura di surfattante per aiutarla a sviluppare i polmoni nel caso le cose fossero andate male e fosse nata subito) e “vasosuprinata”. E’ nata alla 36ma settimana. Con Emma invece sono stata più fortunata: è nata alla 37ma settimana sana e con il peso giusto. Tra le due c’è stato un aborto spontaneo, alla nona settimana, ma quello rientrava tra il 30% delle statistiche. Con questo curriculum ho apprezzato parecchio un libro di Valeria Parrella che racconta l’avventura di una madre alle prese con una drammatica nascita prematura. Questa giovane scrittrice napoletana riesce a mischiare drammaticità e ironia in modo magistrale e coinvolgente. Racconta i difficili rapporti comunicativi con i medici dell’ospedale, la complicità che si instaura con le altre mamme della terapia intensiva, il senso dell’umorismo che a volte esplode anche nei momenti meno adatti. E anche l’invidia che ha giustamente provato per le mamme con una bella e facile gravidanza fisiologica.

Un sogno irrealizzabile 2

E’ un sequel del post precedente. Sempre sullo stesso tema: il desiderio di non essere più un animale da soma. Non esagero, infatti la seconda parte del problema riguarda il trasporto quotidiano delle borse da ginnastica delle bambine (basket, nuoto e acrobatica), gli zaini della scuola che sono sempre pesantissimi e soprattutto la spesa. Nonostante la faccia on-line, c’è sempre qualcosa che dimentico e così devo integrare. E magari aggiungo qualcos’altro e insomma sono sempre stracarica. Quattro, cinque borse pesanti da trasportare ogni volta che arrivo a casa. Poi mi specchio nel vetro del portone, mi compiango e ripeto che è ora di smettere. Di mangiare? Di mandare Anita ed Emma a scuola? A fare sport? Non ho ben chiaro quale sarà la prima rinuncia ma nel frattempo ho deciso di boicottare borse e sacchetti di plastica. Dopottutto lo fanno anche in Cina, paese che riguardo all’inquinamento non ha certo una buona reputazione. Mi presento al super con sacchetti di cotone dalle forme scomode, regali di Natale (con disegni di fiori, leoni, stelle, scimmie e Babbi Natale con i colori stinti e sbavati perchè ogni tanto li lavo) creati delle bambine quando erano all’asilo. Ne devo portare anche cinque o sei perchè sono piccoli e non ci sta nulla. Oppure uso borse di carta che nel 99% dei casi si rompono prima che riesca a portarle in casa. Ma sono ecologiche. Lo penso per consolarmi mentre le carico in ascensore. Ci vogliono 1000 anni per distruggere una borsa di plastica in natura, neanche la strega più crudele delle favole avrebbe pensato a un incantesimo così lungo, di solito maledicono solo per 100 anni! E le povere tartarughe marine muoiono soffocate dalle borse di plastica lasciate in mare, perchè credono che siano meduse e tentano di mangiarsele. Perciò oggi sono stata molto contenta quando ho letto questo articolo sulla nuova moda della spesa: compriamo confezioni sfuse, prodotti alla spina. Paghiamo meno perchè non ci sono gli imballaggi. Potrebbe essere la giusta soluzione. Meno confezione, meno peso, meno inquinamento. Possiamo provare a comprare il latte alla spina, basta organizzarsi. Poi ci sono i pannolini ecologici per i bebé e secondo alcune fondamentaliste anche degli assorbenti si può fare a meno. Quest’ultima ipotesi mi sembra un po’ invasiva ….

Un sogno irrealizzabile

I have a dream. Una cosa molto modesta confrontata con quello di Martin Luther King, che comunque rimane per me a livello di sogno e sembra avere pochissime possibilità di avverararsi. La mia ambizione sarebbe quella di non uscire sempre carica come un mulo e poter ostentare borse piccole, carine e inutili. Lo so che adesso vanno di moda super-bag capienti, piene di borchie, cinturini, frange, tasche che costano un occhio della testa e in teoria potrebbero aiutarmi a trasportare la casa. Ma non me ne frega nulla: voglio una borsa piccola dove non ci stia nulla. Tutto è iniziato quando ero incinta di Anita ed è stata lanciata la borsa Baguette di Fendi non è che mi piacesse molto (troppo rigida e a volte anche in colori irritanti) ma era piccola e quindi impossibile e super-desiderabile per una neomamma. Un oggetto proibito e tanto agognato. Ho capito presto che per me non c’era più scampo: le borse dovevano essere enormi, per contenere pannoloni, salviette umidificate, cambio, biberon ecc. Mi sono subito rifiutata di usare quelle tristi borse in stoffa en-pendant con la carrozzina (si vedono mamme provate che le usano anche quando il pargolo ha già tre anni, perchè sono troppo stanche anche solo per pensare a un’alternativa) e ho optato per uno zainetto. Scelta incauta perchè lo zainetto non era abbastanza capiente e quindi veniva abbinato a un’anonima borsa di plastica, di solito nascosta sotto la carozzina o il passeggino. Poi il tempo è passato ed è arrivato il pericolosissimo momento della banana: frutto all’apparenza innocuo e comodo da portare con sè per la merenda, nutriente e ricca di potassio, ma molto infido. Infatti mettevo una banana gialla e soda in borsa ma dopo poco più di un’ora ritrovavo un vegetale marrone e spiaccicato sul fondo. Poi c’erano i biberon d’acqua che si stappavano e allagavano e altri simili incidenti. Poi è nata Emma e tutto è ricominciato da capo, anzi è raddoppiato e peggiorato, perchè oltre al survival kit da bebé dovevo trasportare con me l’essenziale per l’intrattenimento di Anita (libri, pennarelli, pupazzetti, crackers e affini), che non era per niente contenta di dividere mamma e borsa con un piccolo alieno urlante. A volte guardo le foto delle mamme vip, in posa con figli e borse firmate e costosissime mi chiedo se dietro al sorriso stereotipato di Gwyneth Paltrow si nasconda la preoccupazione di trovare la banana adesiva e appiccicosa sul fondo della sua preziossima Balenciaga. Potrebbe anche essere probabile perchè lei è molto green e macrobiotica e darà senz’altro ai figli merende di frutta. Ma non credo che rischi: penso che le provviste per i cuccioli le trasporti la tata rimasta fuori foto. Adesso le bambine sono grandi e in teoria il mio sogno potrebbe trasformarsi in realtà, ma penso sia il karma di ogni madre quello di avere sempre una marea di cose da trasportare. La bottiglietta d’acqua perchè Emma ha sempre sete e non possiamo sempre fermarci in ogni bar, magari uno snack perchè non si sa mai, un libro perchè Anita legge sempre, un po’ di Geomag perchè Emma lo lascia sempre ovunque. E poi elastici, mollettine, disegni, kleenex usati, cioccolata scartata e spray contro il mal di gola. Devo ammettere di aver acquistato recentemente un paio di borse piccole, molto graziose, che pensavo di usare quando esco da sola. Non è mai successo: soldi buttati. Perchè anche le più incaute sanno che cambiare borsa è una delle attività più pericolose del mondo femminile. Metà delle cose essenziali spariscono misteriosamente. Meglio non sfidare la sorte… mi tengo il sogno sospeso ancora per un po’.

Torna Cicciobello


Si è appena conclusa a New York “Toy Fair 2008” la più grande esposizione mondiale dl giocattolo, la manifestazione da cui nascono le tendenze e i sogni natalizi di tutti i bambini del mondo. Ovviamente manipolati dai grandi produttori di giocattoli. Per le mamme che vogliono portarsi avanti con lo shopping natalizio: le notizie da tenere in considerazione sono che nonostante l’avanzare della tecnologia, stanno tornando nell’immaginario infantile anche i giocattoli tradizionali, quelli che hanno un feeling umano per i nostri piccoli. Grande eroe di questa rentrée è il nostro italianissimo Cicciobello, che continuerà a allenare lo spirito materno di accudimento delle nostre figlie. Questo bambolotto è un vero best-seller: in Italia negli ultimi mesi ne sono stati venduti un milione di esemplari. Peccato che però appena crescono abbastanza le bambine vengono rincitrullite con MyLife un videogioco tascabile in cui le nostre piccole potranno inventarsi un avatar (nel genere Barbie/Winx/Bratz) e giocare andando in piscina, discoteca, in spiaggia. E magari dopo questa vita scintillante, crearsi una famiglia. Non vorrei ripetermi e mi scuso per essere autoreferenziale, ma il mio commento a questa console rosa da ragazze è uguale a quello scritto un po’ di tempo fa nel post “tette di calzino”. Stanno meglio i maschietti che, secondo i produttori mondiali di giocattoli potranno desiderare l’isola dei Gormiti con tanto di vulcano, il forzuto e verde Hulk che sarà il personaggio dell’anno e, per i più tradizionalisti, anche la vecchia, amata e tranquilla Playmobil.

Ansia e questioni immobiliari


Oggi ho scoperto la vera casa dei Simpson, si trova a Henderson nel Nevada, è stata costruita da un architetto americano, che dopo essersi sparato cento puntate della saga della strampalatissima famiglia americana ha deciso di ricreare la dimora dei suoi eroi. Mi sono quasi commossa, anche perchè vorrei come prossimo presidente Usa, invece di Obama o Hillary, Matt Groeing, il geniale creatore dei Simpson. In questo sito si possono vedere diverse stanze della dimora Simpson. Ultimamente sono particolarmente sensibile alle questioni immobiliari perchè di recente abbiamo acquistato un appartamento, stiamo svenandoci per ristrutturarlo e presto ci attenderà l’enensimo trasloco. Però purtroppo diversamente da Marge e Homer, che hanno offerto a Bart e Lisa due camerette separate, noi siamo genitori peggiori di loro e rimettiamo Emma e Anita a dormire assieme. Avere due pargoli dello stesso sesso facilita la vita : si riciclano i vestiti, i modelli educativi e si pensa di risparmiare anche in metri quadri perchè fratellini e sorelline saranno contenti di dormire assieme ad aeternum. Però non è così, viene un momento, prima di quanto si pensi, che le dichiarazioni di insofferenza e di ostilità culminano nel classico: “Quando avrò la mia cameretta senza di lei/lui?”. La risposta immediata che sale alle labbra potrebbe essere spiacevole, perciò si tende a tergivisare e a mantenersi nel vago. Ho un’amica, mamma di due maschi, anche lei assillata dallo stesso dubbio, anche lei convinta di essere una mamma imperfetta e inadeguata perchè scarsa nei metri quadrati. Ma l’altro giorno siamo uscite dal tunnel di questa ansia immobiliare: ha parlato con un’altra amica, esperta di camerette condivise e angosce materne, che l’ha rassicurata. Si tratta di un falso problema. Le dichiarazioni di insofferenza riguardo la condivisione degli spazi sono soprattutto una tappa di crescita, frutto di una ricerca di autonomia. In verità i fratelli sono contenti di dormire vicini, e anzi alcuni dopo aver conquistato una stanza tutta per loro, rimpiangevano la vecchia complicità e sono tornati indietro a dormire tra i pezzi di Lego sparsi ovunque dal fratello minore. E’ una gran bella notizia: mi fa tirare un sospiro di sollievo. Non siamo mica tutti come Angelina Jolie, che in attesa dei due prossimi gemelli, ha acquistato con Brad, Neverland da Michael Jackson così i bambini avranno abbastanza spazio.

Grandi amori da piccoli


Alla materna un bambino piange perchè nella fila per andare in bagno non è vicino alla sua fidanzatina. Lei lo consola dicendogli: “Non fare così, quando saremo sposati staremo sempre insieme”. Poi quando la maestra, che ha ascoltato tutto, le chiede se fanno sul serio, la bambina risponde che no, in fondo, sono solo amici. Forse è vero, non è che a tre anni e mezzo si è così cinici per fingere una relazione che non esiste. Siamo noi adulti che imponiamo ai bambini schemi mentali e definizioni. Noi che definiamo fidanzatini due bambini di sesso diverso che provano simpatia e giocano insieme, questo è quello che sostiene la psicologa Paola Scalari. Ma se tra i più piccoli siamo noi a invadere la sfera del privato con le nostre proiezioni fra i più grandi, quelli di 10-11 anni, già emozioni e sentimenti per il sesso opposto si manifestano autonomamente. S. Valentino ha lasciato sul campo morti feriti: pupazzetti regalati a innamorati troppo freddi, appuntamenti al parco giochi che si trasformano in crudeli bidoni, sorelle burlone che scrivono messaggi d’amore ai fratelli maggiori solo per ridere alla loro spalle. Poi ci sono anche le compagne di scuola che raccontano bugie e fanno strategie che non hanno nulla da invidiare ai personaggi de Le relazioni pericolose , per i ragazzini S.Valentino è un’occasione di palesare il loro amore, il giorno in cui è permesso fare outing. Sono coraggiosi ma se il messaggio non viene accolto come sperato, rimangono male e rischiano di cominciare a congelare le loro emozioni. E magari iniziare a navigare in rete, digitando nei motori di ricerca parole di vegetali come “patate” e “piselli”, sperando di trovare qualche imamgine forte. La versione hard 2.0 dei nostri tempi quando si sghignazzava nel cercare le parolacce nel dizionario.

Quel prezioso cordone

Tra oggi e il 29 febbraio alla Camera deve discutersi un emendamento a un decreto legge del 2007 che permetterà la donazione autologa del cordone ombelicale. Infatti, ora nel nostro Paese, la mamma che vuole conservare il sangue placentare del cordone ombelicale del proprio bambino non può farlo gratuitamente. Il cordone è ricco di cellule staminali simili a quelle del midollo osseo. In grado di curare linfomi e leucemie. Può essere prezioso per i membri della stessa famiglia o per donarlo ad altri bisognosi di cure. In Italia questo sangue può essere conservato a costo zero solo in due casi: se nella famiglia esistono già patologie importanti come appunto leucemie o malattie del sangue, oppure se si partorisce a Mantova. Questa seconda ipotesi sembra assurda ma è vera. Solo in questa città esiste una banca autologa in grado di coprire le spese di conservazione del cordone che può essere utilizzato anche 15-16 anni dopo e quindi preservarlo correttamente non è a buon mercato. Oggi la spesa per spedire il cordone in banche private all’estero è di circa 1500-3000 euro più il canone di mantenimento annuo. Di solito lo fanno i vip e i più abbienti o anche solo i meglio informati. Ho parlato recentemente con una gestante che voleva conservare il cordone e mi raccontava tutte le peripezie burocratiche necessarie per farlo, la prassi è piuttosto complicata e viene il sospetto che serva a dissuadere le eventuali donatrici. La banca più vicino a noi, si trova a S. Marino oppure in Svizzera ma per saperne di più c’è un’associazione. Essere informati e conoscere i propri diritti significa essere a metà strada. Ricordo che appena partorito Emma, ancora stravolta dalla fatica e inebetita dalla felictà, ho chiesto di poter donare il mio cordone. L’ostetrica mia ha risposto: “Non si può perchè è sabato” e io non sono stata in grado di replicare nulla. Ora che sono più lucida mi domando: le vite si salvano solo in orario di ufficio?

Lavandaia e corista

Non so come riesco sempre a farmi coinvolgere in attività scuola-genitori anche se nel mio petto batte un cuore da eremita. Nella classe di Anita, quinta elementare, le maestre stanno organizzando una recita in dialetto milanese. Nel programma di geografia si studiano le regioni e poi c’è anche un concorso scolastico della provincia di Milano che riguarda i Martinitt, a cui partecipa l’intero istituto scolastico. Gli alunni fanno questa rappresentazione in stile Vecchia Milano, e c’era bisogno di cinque mamme travestite da lavandaie/coriste che cantassero, con i bambini, La bella lava al fosso. Cantare per me è una cosa contronatura, perchè sono proprio negata ma… le maestre hanno tanto insistito. Poi non sono brava a evitare di farmi accalappiare e le altre madri, più scaltre, si sono date alla macchia più velocemente di me. Così oggi sono stata convocata al casting delle povere lavandaie. Già posso vantare nel mio curriculum di mamma un’esperienza da performer nel primo anno della materna di Anita (a quell’età si è molto più disposti a rendersi ridicoli per amore dei propri pargoli), quando nella recita di Natale dei genitori avevo interpretato la parte dell’orsetto Bertie, patetico protagonista di una pantomina natalizia. Indossavo un costume di peluche beige veramente assurdo. Ma Anita aveva tre anni ed era orgogliosa di me. Quella volta anch’io avevo fatto come dichiara oggi Isabella Ferrari ai giornalisti. Per trovare il coraggio di interpretare la scena di sesso con Nanni Moretti in “Caos calmo” lei si è scolata una vodka, io per l’orsetto Bertie, un irish coffee. (Lo spettacolo era previsto per le tre del pomeriggio e mi sembrava più adatto). Sempre alla materna,il Natale successivo, sono stata anche nel cast di Rudolph dal naso rosso ma avevo una parte secondaria ed era molto meno imbarazzante.
Oggi sono arrivata a scuola abbastanza tranquilla: speravo che le maestre si accorgessero della mia incapacità canora e mi cacciassero dal coro. Invece alla prova delle mamme coriste eravamo solo in due (le altre candidate avevano ovviamente da fare) e quindi sfortunatamente sono stata arruolata senza ripensamenti. Spero di cantare in playback come le Spice ma non mi posso illudere: so che sarà ugualmente tremendo.

Mattine pericolose


Stamattina a casa mia si respirava un’atmosfera idilliaca: ci siamo scambiati bigliettini e cioccolatini a forma di cuore e giurati, tutti e quattro incrociati, amore eterno. Con la scusa di S.Valentino sono riuscita buttar giù dal letto le bambine con molto anticipo e a passare quei momenti pericolosi, meglio conosciuti come il meridano di Cogne (quella mezz’ora dalle otto alle otto e trenta in cui i nervi di ogni mamma sono particolarmente tesi) in grande armonia. Gli altri giorni è diverso: ci sono istanti in cui la tensione cresce e rende incadescenti anche le più tenere relazioni umane. Riuscire a prepararsi per andare a scuola in tempo utile e con il sorriso sulle labbra è un obiettivo ambizioso. Di solito il momento peggiore è quello della toeletta: Emma ha i capelli lunghi e ricci, genere Raperonzolo e pettinarla è sempre un incubo. Devo farle le trecce perchè a scuola ci sono i pidocchi, oramai stanziali come in ogni scuola che si rispetti, e per rendere il processo meno traumatico canto, anzi cantiamo: “Arriva un pescatore con l’amo e con le reti…” una vecchia canzone amata da Emma all’asilo che ormai è diventata una specie di sigla horror, perchè i nodi sono sempre tanti…Poi appena ho finito di pettinare/confortare Emma che nonostante il mio canto urla (o forse proprio per quello) arriva Anita che è in pre-adolescenza. Questo significa che perde ore a pettinarsi ed è particolarmente seccata della nostra co-presenza in bagno. Prende mollette, sbatte sportelli, cambia spazzola e sbuffa insulti alla sorella. E sottovoce anche a me, ma faccio finta di nulla. Quando finalmente anche i capelli di Anita, anche lei piuttosto “raperonzola”, sono domati, si esce. E’ sempre tardissimo e la nostra scuola è a cinque minuti d’auto da casa. Per arrivarci bisogna superare l’incrocio della morte, dove per effettuare una svolta sinistra si impiegano anche dieci minuti, perchè naturalmente anche tutti gli altri genitori schiumano odio e stress e non lasciano mai passare. Le mie figlie tacciono fino a questo incrocio e proprio nel momento in cui impreco contro gli altri automobilisti egoisti, le bambine tentano di istauraurare un’amabile conversazione su argomenti come i furetti da compagnia o le figurine di Dragon Ball. A questo punto si arricchiscono perchè in casa nostra vige la regola che per ogni parolaccia si sganciano 50 centesimi. E io non riesco proprio a trattenere il turpiloquio.

Videogioco contro gli orchi

Un post brevissimo, ma spero utile. Ho appena trovato su La Repubblica questo articolo su un convegno che si terrà domani sul tema della sicurezza della navigazione in rete dei più piccoli. Si parla di bambini dai 7-8 anni in poi. Certo si può usare il parental control, il filtro che permette di bloccare l’accesso a siti non adatti. Ma è importante anche allertare i bambini “a drizzare le antenne” in caso di pericolo. A essere più sicuri di sè, a conquistare l’autonomia di affrontare un piccolo percorso, a fare una commissione senza panico. Da aprile sarà possibie scaricare grauitamente un videogioco che aiuterà i bambini a essere più consapevoli, meno ingenui e a evitare eventuali adescamenti. Secondo gli esperti il videogioco è uno degli strumenti più adatti e facili per far passare qusto tipo di comunicazioni. Il tema è delicatissimo e difficile da trattare. Alle mamme fa venire i brividi solo a pensarlo. Nella cronaca continuano ad arrivare, anche in questi giorni, notizie di arresti di persone super-insospettabili ma coinvolte in questo odioso crimine. Ho sperimentato la difficoltà di parlarne ai bambini: fino a che punto bisogna essere chiari e quando si rischia di terrorizzare? C’è un libro di Alberto Pellai, uscito un po’ di tempo fa ma sempre attuale, che forse può aiutare ad affrontare l’argomento anche con i bambini più piccoli. La comunicazione su questi temi può sempre dare origine a malitesi, a volte molto teneri. A un compleanno, un nostro amichetto non voleva farsi servire una bibita da un papà a lui sconosciuto, perchè la mamma gli aveva raccomandato di non accettare cibo o bevande da estranei.

1 68 69 70 71 72