New York una città di corsa

La passione per la corsa. L’allenamento che diventa indispensabile. Uno sfogo, fonte di benessere e sinonimo di libertà. Chiara Marchelli, autrice che vive a New York, in questo libro svela i suoi percorsi preferiti, portando chi legge nel cuore della città, facendo scoprire itinerari insoliti.

Pensando a New York  e alla corsa forse si immagina solo la grande e famosa maratona. Oppure visioni un po’ cinematografiche di chi fa jogging a Central Park.

Questo libro è utile perchè va oltre gli stereotipi, mischia le nozioni territoriali con annedoti storici su tradizioni e abitudini dei vari quartieri. Da Brooklyn ad Harlem regala dettagli preziosi su come affrontare e capire la metropoli.

Poi approfondisce molti aspetti della storia della Grande Mela, racconta retroscena e pettegolezzi su locali famosi e anche dettagli inaspettati su personaggi famosi, cantanti, attori e scrittori, tutti newyorkesi doc.

Può essere una guida turistica ma anche un memoir con sensazioni e idiosincrasie di una runner che ama correre senza la musica e adora farlo anche sotto la pioggia. Percorre lunghi tragitti, non disdegna le strade trafficate ma regala al lettore sentieri segreti negli angoli più pittoreschi dei parchi cittadini. Si definisce una runner vecchio stile, per questo non ama le competizioni, non ha mai partecipato alla Maratona. Corre per ritrovare se stessa.

Infatti l’autrice confessa che l’allenamento è anche un’ottima terapia per risolvere e smaltire lo stress. Come una meditazione. L’impegno e la fatica fisica mettono alla prova non solo il corpo ma anche la mente e quindi “si corre su” un problema, una delusione, una faccenda da risolvere. E su questo tema sono completamente d’accordo con lei. Proprio per questo motivo chi inizia a correre poi non riesce più a farne a meno. Si corre e si macinano i problemi, si medita ampliando la falcata finchè la mente non si libera. Finchè le endorfine regalano l’agognata dose di benessere.

Chiara Marchelli analizza anche il rapporto fra la corsa e la scrittura, da Murakami in giù moltissimi autori corrono e giurano di trovare ispirazione per le proprie pagine. Sfidano se stessi e si sfiancano per riuscire a risolvere un dubbio letterario, sbloccare l’immaginazione.

(Funziona? Non lo so. Ma certo è più salutare che cercare conforto nel cibo o nell’alcol. E poi fa fico raccontarlo 🙂 )