Una gita nei giardini più belli d’Italia

Se durante questo bollente mese di agosto volete programmare una gita in mezzo al verde, diverse sono le mete: il nostro Paese è pieno di giardini storici bellissimi, ancora perfettamente preservati. Qui trovate un po’ di ispirazione e il calendario degli eventi.

Se invece transitate nei pressi del Lago Maggiore, una gita obbligatoria è nelle isole Borromee. E su questi luoghi (stupendi) devo aprire una bella parentesi personale.

Quando le ragazze erano piccole, avevamo affittato una casa a Stresa e quindi le gite nelle bellezze dei dintorni erano frequenti. A volte anche stressanti, mi ricordo che ero andata da sola all’Isola Madre e avevo Emma in passeggino, e c’erano troppe, bellissime, antichissime scalinate, un incubo.

Poi le avevo dato dei cracker per merenda e, a tradimento, era arrivato un pavone a mangiarglieli. E lei ha strillato un sacco.

Comunque i fiori erano stupendi.

Oggi invece a casa mia non si può più dire “Borromeo” perché Anita si inalbera. Vede rosso e si imbizzarisce come i tori a Pamplona.

E’ impazzita? No, semplicemente a Pavia frequenta il collegio Ghislieri che è avversario storico del collegio Borromeo. Continuano ad odiarsi dal lontano 1500.

(Non scrivo come chiama il Borromeo, per non essere volgare. Lavorate di immaginazione)

Ma un odio atavico e goliardico non può togliere bellezza a questi luoghi meravigliosi.

Da visitare c’è l’Isola Bella con il suo giardino all’italiana, ideata in onore della moglie di Carlo I, Isabella d’Adda, è famosa per il Palazzo e per il Teatro Massimo o Ninfeo. Con il suo spettacolare fronte scenico a tre piani, sormontato dalla statua dell’unicorno, emblema del casato dei Borromeo. (imprecazione di Anita)

Dario Fusaro

Poi l’Isola Madre accoglie un giardino paesaggistico all’inglese realizzato nell’Ottocento che, grazie ad un clima favorevole, ospita rare piante e fiori esotici provenienti dalle più diverse latitudini. Sopravvissuto a una tromba d’aria, c’è anche un magnifico esemplare di cipresso del Kashmir; ingegnosi tiranti lo assicurano al terreno dell’Isola, e ne garantiscono la sopravvivenza.

E anche la Rocca di Angera è di proprietà dei Borromeo dal 1445. Attualmente ospita il Museo della Bambola e del Giocattolo, il più importante in Europa. Facendo riferimento ai numerosi documenti, recentemente è stato ricostruito un giardino medievale, che fa da magnifico contorno all’edificio della Rocca.

Infine Villa Pallavicino a Stresa è una proprietà di sedici ettari che include un parco aperto al pubblico dal 1956. La Villa ospita anche una magnifica collezione di piante e fiori di proporzioni spettacolari. Nel parco è stato poi riservato molto spazio a canguri, lama, pavoni, zebre e molti altri animali.

Qui ho un ricordo molto divertente: Emma, oramai di tre anni, voleva fotografare le caprette, si avvicinava e diceva: “Soridi! Soridi!”

Poi si stressava perchè erano dispettose e non sorridevano.

Però almeno avevano mangiato e non rubavano i crackers!

Marianna Galimberti

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

17 − 12 =