I figli della notte

Vita dura in un collegio tutto maschile, questa è l’ambientazione di I figli della notte. Il film racconta di Giulio, 17enne di buona famiglia che si ritrova catapultato nell’incubo della solitudine e della rigida disciplina di un istituto per rampolli dell’alta società. Un luogo isoltato tra le montagne innevate dell’Alto Adige, dove vengono formati i “dirigenti del futuro”.

Internet imbavagliato, telefono concesso per mezz’ora al giorno, ma quel che è peggio violenze e minacce. Nonnismo come da copione, da subire dai ragazzi più “anziani”, nell’apparente accondiscendenza e apatia degli adulti.

Giulio riesce a sopravvivere grazie all’amicizia con Edoardo, un altro ospite del collegio. I due ragazzi diventano inseparabili e iniziano ad architettare fughe notturne dalla scuola-prigione, verso un luogo proibito nel cuore del bosco. Una baita-bordello dove conoscono una giovane prostituta: Elena.

Ma la trasgressione fa parte dell’offerta formativa (dopotutto è costume che i mega manager le prostitute le frequentino, alla grande e con lauto dispendio di mezzi, quindi tanto vale iniziare da piccoli!), il collegio sa tutto del locale peccaminoso e delle uscite notturne. E gli educatori, molto ipocriti, vigilano costantemente, restando nell’ombra.

I figli della notte ha atmosfere cupe, oniriche, che ricordano un po’ quelle di Youth di Sorrentino, il collegio sembra un luogo spaventoso e forse stregato.

I ragazzi ospiti, più o meno abbandonati da genitori abbienti e menefreghisti, sono quasi tutti arrabbiati e problematici. E i giovani interpreti sono bravissimi nel rendere disagio e confusione dei loro personaggi. Il regista, Andrea de Sica, è riuscito infatti a comunicare l’angoscia, e spesso l’incomunicabilità, adolescenziale con toni sommessi e drammatici, virando verso sfumature dark e surreali che sembrano aver preso ispirazione dalle fiabe dei fratelli Grimm.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

nineteen + 13 =