La Bella e la Bestia

Uscirà domani nelle sale, l’attesa è stata tanta e il battage pubblicitario enorme.
Con grandi aspettative ho visto in anteprima La Bella e la Bestia e purtroppo sono rimasta un po’ delusa.
La rivistazione live action del classico cartone animato Disney del 1991 è un ibrido che lascia perplessi.
Sarà il mix non troppo riuscito fra la parte recitata dagli attori “umani” e quella degli oggetti stregati (la teiera, la tazza, i mobili, il candelabro, ecc) che sono diventati cartoni?
La traduzione in italiano delle canzoni con le rime troppo forzate?
O ancora la lunghezza eccessiva della pellicola?
Oppure il confronto, inevitabile, con una pellicola del genere molto più riuscita, la Cenerentola di Kenenth Branagh?

Forse per tutti questi motivi La Bella e la Bestia è un film realizzato con grandi mezzi che però non suscita emozioni. Piacerà senz’altro ai bambini anche se ci sono alcune scene un po’ spaventevoli per i più piccoli (a proposito, perchè i lupi, invece di ululare, ruggiscono? E poi era proprio necessario far vedere la povera madre di Bella, agonizzante, in fin di vita? Non avevamo già sofferto abbastanza per quella di Bambi?)

Un altro aspetto che penalizza la versione italiana del film è senz’altro il doppiaggio: infatti il cast dei protagonisti è stellare ma noi italiani facciamo fatica ad accorgercene. Il padre di Emma Watson è Kevin Kline, oltre a essere pesantemente truccato è doppiato quindi sentire la sua voce non ci regala alcun indizio per riconscerlo.

Stesso effetto per la Bestia, Dan Stevens, che conoscevamo come Matthew Crawley in Dontown Abbey (il marito sfigato di Lady Mary che si era schiantato in auto facendo imbizzarrire tutti i fan della serie!). Qui lo vediamo solo un attimo, quando alla fine dell’incantesimo Emma-Bella lo bacia e lui finalmente perde il pelo da Bestia.

Purtroppo però ci fa rimpiangere il principe (estremamente fico) di Cenerentola, infatti Dan ha una pettinatura che non gli dona per niente e le gambette un po’ secche da pollo. E poi che la petulante teiera fosse in realtà Emma Thompson certo non potevamo capirlo, anche questa volta a causa del doppiaggio.

4 comments

  • patrizia

    Strano… mia figlia è andata ieri sera e ha detto che secondo lei è il film più bello che abbia visto negli ultimi mesi.

  • patriziavioli

    Rispetto la sua opinione! 🙂

    Probabilmente lei è anche più romantica di me: la storia d’amore di Bella che accetta la Bestia nonostante l’apparente diversità è l’idea più potente e accattivante del film.

  • Francesca de Robertis

    Nel lontano 1991 mi ero innamorata della storia di Belle, così generosa e piena di emozioni da andare oltre le apparenze per guardare solo il cuore della Bestia che ha di fronte. Me ne sono ri-innamorata l’anno scorso quando l’ho rivisto con la mia bambina di quasi tre anni. Forse è per questo che ho grande, grandissimo timore di andare a vedere il film! Dalle tue parole Patrizia, temo che la delusione sia dietro l’angolo … lo scoprirò! Non ora però, perché anche solo guardando il trailer capisco che ci sono scene un po’ troppo “forti” per una bimba di tre anni. Quando la mia piccola sarà pronta lo guarderò con lei, per ora, quando vorrò sognare che l’amore può trionfare su tutto, mi guarderò il cartone animato con Belle che danza nel suo meraviglioso abito giallo abbracciata alla Bestia più umana che ci sia.

  • patriziavioli

    Ciao Francesca, grazie del commento, credo che tu abbia ragione a non voler portare tua figlia a vedere qusto film, potrebbe spaventarsi.

    Qualche anno fa è uscito anche questo adattamento della storia di Belle, non so se l’hai visto, ma era un film decisamente da adulti.

    https://it.wikipedia.org/wiki/La_bella_e_la_bestia_(film_2014)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

12 + sixteen =