E mio figlio lo chiamo come un filtro di Istagram

Mentre noi, in Italia nel 2015, siamo stati banali e nella top ten dei nomi più gettonati per i bambini abbiamo scelto Sofia, Giulia, per le femmine, Alessandro e Leonardo per i maschi, negli Stati Uniti i neo genitori hanno osato di più e si sono lasciati trascinare dalla fantasia. I più hipster hanno battezzato i loro pargoli con i nomi dei filtri di Instagram. Quelli da usare per migliorare le foto, renderle più luminose, sature o anche a effetto seppia.

A me Instagram piace un sacco e posso capire anche l’entusiasmo di chi lo usa, ma farsi ispirare per il nome del bambino mi sembra un’opzione un pochino azzardata.

Sembra follia, invece è vero. Circa 300.000 genitori hanno voluto omaggiare il loro filtro preferito e così i bebè si chiamano Lux, Valencia, Juno, Reyes, Ludwig (questo andrebbe anche bene), Amaro e Willow.

Per i neo papà e mamme più tradizionali i nomi preferiti rimangono Sophia e Jackson, ma i nomi mutuati da Instagram stanno facendo tendenza alla grande. Nel 2014 c’è stato un incremento di nomi-da-filtro del 75%.

Se poi per questi bambini l’adolescenza sarà turbolenta, non sarà neanche necessario dare la colpa agli ormoni, basterà colpevolizzare l’idiozia dei genitori.

Forse la prossima tappa sarà chiamare i figli con il nome della capsula nespresso preferita: Volluto, Livanto, Arpeggio, Rosabaya e Bukeela.

2 comments

  • … e io che guardai con disprezzo al moglie di mio cugino quando chiamò la figlia Pamela (come quella di Dallas!) … cose ampiamente superate!

  • patriziavioli

    Pamela è bellissimo e anche intellettuale se pensiamo a Valencia 🙂 OMG