A un passo dalle stelle

Diciotto giorni a piedi con lo zaino sulle spalle come unico bagaglio. Diciotto giorni di cammino sulla via Francigena, su un tratto dell’itinerario medievale dei pellegrini che partiva da Canterbury per arrivare a Roma.
Non è esattamente la vacanza ideale di un adolescente.
Anzi, è proprio il contrario di quello che sogna. Più che uno svago sembrerebbe una punizione. Ma in A un passo dalle stelle, il romanzo di formazione scritto da Daniela Palumbo, la protagonista, la sedicenne Giorgia lo affronta (suo malgrado) su insistenza dei genitori, con la promessa che se il progetto risulterà troppo pesante potrà sempre gettare la spugna e fermarsi senza concludere il cammino. Ma questa esperienza si rivelerà un’incredibile scoperta. Aiuterà la ragazzina inquieta ad ascoltare se stessa, a maturare.
A fare pace con i suoi dubbi e insicurezze. image003
Assieme a Giorgia e ai suoi genitori a camminare, accompagnati da due guide, ci saranno altre famiglie, ragazzi e genitori che per follia o per passione hanno intrapreso la stessa avventura. Fra loro si instaurerà un legame speciale, una complicità che è possibile solo nel silenzio e nell’ascolto. Nella condivisione di un’esperienza così atipica ai nostri giorni.
Daniela Palumbo coinvolge il lettore con una scrittura fluida e vivace, racconta con delicatezza e ironia le emozioni degli adolescenti. Il ritmo della storia è scandito in capitoli che sono le tappe dell’itinerario del tratto di Francigena affrontato (tra alti e bassi) dai protagonisti. E leggendo viene quasi voglia di mettersi alla prova: se il cammnino è una terapia per placare adolescenti ribelli in fondo può far bene a tutti, può rivelarsi una panacea per ritrovare la nostra essenza.