Quando iniziano a volare

Svolta epocale: oggi la mia primogenita è andata, per la prima volta, in centro a Milano da sola con l’autobus.
Evento della stessa importanza dello svezzamento, spannolinamento, ingresso alla materna, ecc.
Lunedì comincerà il liceo che raggiungerà appunto in autobus, insieme abbiamo già provato alcune volte il tragitto, ma oggi ha voluto farlo con una futura compagna di classe.
Questa sua amica è fisicamente molto simile a mia figlia: entrambe sono alte 1,75, hanno capelli biondi lunghi, un notevole stacco coscia, una passione per i pantaloncini corti e una delle due, putroppo, ha anche le tette.
Perciò, capirete, che erano giorni che cercavo di posporre la loro gita.
Fortunatamente ci sono manifestazioni di piazza, sciopero dei mezzi e il progetto è stato spostato avanti nel tempo. Ma le ragazze incalzavano.
Ne ho parlato con Sant’: “Prima o poi dovrà andare”
Ne ho parlato con Anita: “Stai attenta a questo, a quello, il telefono, il portafoglio…mettiti i pantaloni lunghi…non parlare agli sconosciuti…non comprare elefantini di ebano”
“Ma dai mamma, stai tranquilla, il mio amico F, va sempre”
“Echissenefrega! F è un maschio brufoloso!”, non avrei mai creduto di arrivare a dire cose del genere ma l’ho fatto.
Nella mia testa visualizzavo due turiste svedesi negli anni’70, concupite da bagnini di Riccione.
Che agitazione.
“Mamma, poi mangiamo il sushi alla Rinascente”
“Perchè allora non andate da Just Cavalli Cafè? O da Nobu? Siete impazzite?! Ti finanzio solo un panino, al massimo un panzerotto!”
Stamattina è partita.
“Mamdami un sms appena atterri…cioè… arrivi”

30 comments

  • Ti capisco ci sono già passata con il maschio , che lo so che è un maschio , ma io sto un pò più tranquilla solo ora che ha 15 anni ed è alto 1.85 , prima ero sempre in agitazione…adesso spero che sia meno vulnerabile…
    Noi poi viviamo in provincia di…..e quindi non nella grande città , anche se a volte penso che sia pure peggio , se guardi i fatti di cronaca……
    La scorsa settimana la mia secondogenita di 12 anni e mezzo ( mora , 1.70 , 47 kg tutti nelle tett….) voleva andar per gelati con le amiche , io le ho scatenato dietro il fratello…lo so che non si dovrebbe fare , che ho dei pregiudizi….ma almeno ero più tranquilla. Ciao !

  • non c’è niente da fare “la prima volta” per la mamma è sempre emozionante a qualsiasi età dei nostri figli 🙂 ci vieni al mom camp? io si!

  • “Echissenefrega! F è un maschio brufoloso!” questo è stato il momento culminante del post… però come ti capisco, non dev’essere facile lasciarle volare da sole.

    Io lunedì accompagno Ch in prima elementare, sono emozionatissima ed è solo la prima elementare!!!

    In bocca al Lupo ad Anita!

  • Stamani Claudia è partita per il ritiro della Cresima, 3 giorni in campagna. Ed ora, finalmente sola in casa senza la sua presenza ingombrante, incasinante, perennemente richiedente, ragionavo sul fatto che così come in natura i cuccioli diventano autonomi e le madri se ne disinterassano, anche io inizio a pregustare il tempo in cui, finito il mio ruolo di chioccia, potrò dedicarmi ad altre cose.
    ………………….
    Come lo stirare, che sto facendo adesso 🙁

  • Come ti capisco…Maledetti quei pantaloncini!

  • ah, ma allora mi consolo! Le mie figlie non supereranno il metro e un tappo!!! E non somiglieranno mai a svedesi. Inoltre il papà censurerà qualsiasi capo d’abbigliamento che scopra il ginocchio (ed è biellese!). Ma leggere le tue parole mi ha stretto un po’ la bocca dello stomaco. Insomma, io devo ancora smettere di dare la mano per strada alla prima…ecco i dolori: 2 figlie femmine!!! 🙂 belle parole!

  • Azz!! Io già stavo ponderando quando potrò mandare la mia (seienne) in piscina da sola! Però non abitiamo a Milano ma in un buco di provincia dove non dico che ti conoscono tutti ma quasi. E non ha ancora le tette.

  • LGO

    Ehi, com’è che ho *perfettamente* presente la situazione?
    Già mi sembra di vederle arrivare, lunedì mattina 🙂

    (Dai, però: dicci com’è andata! Panzerotto o sushi?)

  • Non conoscevo il tuo blog,ma adesso che l’ho scoperto mi iscrivo volentieri!E’ molto carino,mi piace!
    Se ti va di dare un’occhiata al mio piccolo mondo,sei la benvenuta!Lo trovi qui!

  • bene, bene, é arrivato il momento e Extra?
    Anita é grande mia cara te ne devi fare una ragione…io gongolo eprché questo non lo posso fare…e sai perché, ma la mia ha ancora due anni qui al college…
    poi liceo…

    in bocca al lupo Anita!!!! 🙂

  • La mia prima volta a Milano in treno più metro con amici è stata quasi vent’anni fa e sembravamo il genere ragazzo di campagna di Pozzetto, mia nipote di sedici è già venuta a Milano n paio di volte da Aercrombie….Extra che ti devo dire??? meno male che Bimba ha ancora il pannolone 😉

  • hai ragione!
    sono svolte epocali queste…
    un abbraccio forte 🙂

  • ti capisco, eccome ti capisco, perché anche se non sono mamma ho spesso tenuto con me la figlia di amici cari che è come fosse una nipotina. ora il problema è che Avin, italo-finlandese con ascendenze curde, è stata un amore fino a 10-11 anni, poi è cresciuta ed è diventata splendida e adorava stare con me ma gestire una adolescente scandinava non è proprio la cosa più semplice. adesso ha 19 anni, è bellissima, parla un sacco di lingue, è stupenda, intelligente e sensibile e ridiamo di quando non la mandavo neanche a prendere la brioche della mattina nella pasticceria davanti casa e di quando una sera – portata in un locale al mare – ho detto ad un ragazzo che la invitava a ballare “pussa via ha solo 14 anni”.

  • “Non comprate elefantini di ebano” è il miglior consiglio di mamma sentito fino ad oggi, credo che lo ricamerò e me lo appenderò sulla porta di casa. Anche se, ad essere onesta, non ne vendono qui nel paese, al massimo tentano di rifilarti un bicchiere di quello buono.
    Ciao
    P.S. non è che per caso posso rifilarti i 5 (cinque) elefantini che abbiamo in macchina, comprati dal maritozzo in trasferta?!?

  • No, la mia la mando dalle suore con la cintura di castità.
    O forse scegliamo la strada di papà: ufficiale dei carabinieri. Anche se mi preoccupa la prevalenza maschile.
    No, la mia NON diventerà grande.

    Vado a farmi un cicchetto va’ che è una delle poche cose che mi dà l’ansia-mammesca!!!!

  • mi hai fatto venire una lacrima enorme…
    p.s. quoto taomamma “non comprare elefantini d’ebano” dovrebbe essere il titolo di un manuale per mamme di adolescenti quando lo scrivi??? 😉

  • aaaaaaah, che ricordi! io a 13 anni non ero alta 1,75 (ora che ne ho il doppio sfioro il metro e cinquanta) e non sembravo una turista svedese, ma mia mamma si preoccupava ugualmente… alcune mie compagne di classe andavano già in centro in autobus e io morivo dalla voglia di fare lo stesso, ma non mi era permesso. Poi le mie amiche facevano cose (ora ti spavento!), tipo seguire i ragazzi che gli piacevano o andare direttamente all’imbrocco chiedendo sigarette, cose che io non ho mai fatto e che mi terrorizzavano pure un po’… : )
    La mia gita in centro prevedeva un cheeseburger da McDonald’s e una giratina alla Rinascente o al mercato di S. Lorenzo di Firenze dove sbavavo per tutta una serie di cose che non mi potevo comprare… : )
    Comunque, se non erro, cominciai a fare questi giretti verso la terza media, ma non prima… Mi ricordo che mi arrabbiai furiosamente quando a mia sorella fu permesso di cominciare a prendere l’autobus da sola molto prima… ma si sa che i secondi hanno tutte le strade spianate!

  • Lasciarli volare è la cosa più difficile per una mamma. Sei grande! Io non so se ci riuscirò…

  • Daniela

    Anche la mia piccola oggi ha fatto un grande passo: primo giorno di prima elementare!!!
    Quando hanno chiamato il suo nome e cognome lei è partita tutta impettita e sicura senza voltarsi indietro…ed io finalmente mi sono accasciata sul primo gradino che ho trovato, non pensavo fosse così emozionante!
    Se mi è venuta la cacarella il primo giorno di prima elementare…cosa mi verrà il primo giorno di liceo??

  • Grazie della vostra comprensione per il mio spirito talebano, della condivisione e delle testimonianze…non solo i padri (biellesi?) sono gelosi e malfidenti.
    Cmq è finita così: tornata viva ma mangiato sushi.
    Ho palesato la mia disapprovvazione e non ho sponsorizzato.
    Zero elefantini d’ebano acquistati, fortunatamente.

    Scusate se non rispondo individualmente ma il primo bi-giorno di scuola (nuova) mi ha steso, non ho più un grammo di energia, sorry.

  • Se mettessi in cantiere un figlio oggi, quando andrà al liceo (se esisterà ancora l’istituzione scuola….) io avrò quasi 60 anni. Saremmo così distanti che temo non ci capiremmo mai. Sig, sig. Comunque il papà di una bimba appena nata, mio amico, si sta autoconvincendo che quando lei sarà grande il sesso sarà solo virtuale, e che quindi nessuno la sfiorerà mai veramente, nemmeno con lo sguardo. Giuro che ci crede.
    LaStancaSylvie

  • mi ricordo la prima volta che andai in centro in metro, appunto a milano. adoro la mia mamma, che non mi fece percepire niente, se non il “buon divertimento”. ma il telefonino non c’era, of course. come è andata?

  • Sylvie
    sull’età per procreare mi permetto di dissentire: meglio una mamma un po’ ageè giovane di testa che una giovane vecchia e babbiona (di cui è pieno il mondo)
    sul sesso virtuale (ma casto) speriamo…
    ‘povna
    tutto bene, a parte il budget sushi ampiamente sforato!!!!

  • Riflettevo anche io che sono tante le cose che non si pensava di poter dire.

  • Io spero che la mia, quando il giorno verrà (per fortuna è ancora lontano) scelga la scuola superiore vicino a casa così la mando a piedi…. e la mando da sola in bus quando avrà almeno, uhm, 16, ma che dico, almeno 18 anni? No, meglio 25. ^__*

  • Caspita… già il liceo?!
    Proprio un paio di sere fa mi sono resa conto con ampio sconvolgimento che avrei l’età per i-n-s-e-g-n-a-r-e, in un liceo. Quando ho iniziato io, il mio prof di italiano e storia era più giovane di me adesso.
    Anch’io andavo al liceo in autobus (ma in un’innocua cittadina di ventimila abitanti) e leggendo il tuo post capisco perché, all’inizio, mia mamma cercò – invano- di osteggiare le trasferte che non fossero strettamente in orario scolastico. Io non la capivo (ovviamente, in quanto adolescente) e pensavo volesse impedirmi di avere delle amicizie… e invece si preoccupava, nonostante io fossi lungi dall’essere simile a una scandinava! 😉

  • Uhm…qui si sta ragionando col trasferimento della Picciona a Rimini per frequentare l’università….quasi quasi vado anche io.

  • extramamma

    Arianna
    le mamme a volte sono senza vergogna!
    Eligraphix
    adesso che lo prende da alcuni giorni mi sto abituando, magari puoi dire 24 🙂
    Piano B
    infatti impedire le amicizie è sempre il primo pensiero delle ragazze, ma anche delle madri a volte. Io ho fatto outing, qualche mese fa, e le ho detto che ero gelosa di alcune sue amiche. Lei mi ha guardato e mi ha fatto i nomi delle mie amiche di cui era gelosa lei! Poi ci siamo sentite meglio.
    Tatti
    così sei già al mare (quando viene primavera) tanto gli esami durano fino a luglio no? 😀

  • Mamma che ansia!!
    La mia Superdonnina ha cominciato le medie al paesello. Tragitto casa-scuola mt. 400.
    Al mattino la porto io in auto, tanto passo di lì mentre vado al lavoro…. All’uscita viene da sola a piedi, ovviamente. Con le amiche, chiacchierando tranquillamente. Lei!
    Noi invece … non ti dico la tragedia che stiamo vivendo, io e la nonna, che è a casa che l’aspetta.
    Crescono, crescono … ma che ansia!!
    Kriegio

  • extramamma

    Kriegio
    condivido la tua ansia, ma vedrai che già la prossima settimana sarai più tranquilla! Un abbraccio 🙂