Allocca – parte seconda

…per rendere Sant’ più comprensivo verso la mia confessione avevo deciso di prenderlo per la gola.
Proprio il giorno prima mi aveva parlato con nostalgia, e un po’ di acquolina in bocca, del risotto.
Non un risotto specifico, ma della filosofia del risotto in generale.
“E’ tanto che non ne mangiamo”
“Sì e allora?” avevo risposto con la simpatia di un’emorroide.
“Magari potremmo farlo una di queste sere”
“Ummm…non so…vedremo… non ne ho una gran voglia”, avevo bofonchiato.
Ma adesso, ideona, per metterlo nell’umore più empatico possibile, l’avrei stupito e sorpreso con un bel risottino allo zafferano.
Il riso in casa doveva esserci. Me lo ricordavo in un barattolo nella dispensa.
Sono andata a verificare e in effetti il riso c’era ma non era bianco o non era da risotti. C’era il riso venere (marrone scuro), il riso integrale (beige chiaro) e il riso bianco (ma basmati).
Troppo tardi per uscire a comprarlo, così ho deciso di tentare la sorte con il riso beige.
in fondo sono sempre ottimista: speravo che non fosse un giorno proprio di sfiga completa.
Magari quel riso non era proprio integrale, era semi integrale, forse poteva andare bene.
Peccato non fosse più nella sua confezione originale, non avevo indicazioni di cottura.
Non ricordavo quando l’avessi comprato. Insomma ho giocato con il fato. E ho perso.
Dopo poco Sant’ è tornato a casa e gli comunque ho gridato: “Sorpresa! Il risotto!”
Ma 50 minuti dopo quel maledetto riso era ancora durissimo.
Mantecavo…. mantecavo…. mantecavo…. il chicco non cedeva e la mia espressione da moglie perfetta non reggeva più.
Sant’ mi girava come uno squalo attorno affamato.
Faceva domande.
“Cos’è quella faccia?”
“Il riso era beige, forse era integrale…”
Ero affranta: dovevo dargli il riso scotto e anche la notizia di Euroclub.
Dopo un’ora e passa di cottura, stremata ho servito il riso.
Anita si è rifiutata di mangiarlo. Sant’ e Emma si sono sacrificati.
Quando a fine cena, ho confessato cosa avevo combinato nel pomeriggio, Sant’ me ne ha dette di tutti i colori.
Ma per fortuna la sfuriata è durata poco.
Perchè si è ricordato da solo di aver lasciato, una settimana fa, l’i-pad sul tettuccio della macchina.
Insomma siamo una coppia ben assortita.
Ho buttato, senza fiatare, i resti del risotto-flop l’abbiamo chiusa lì.

21 comments

  • pensa che io odio il riso in tutte le sue rappresentazioni!!!
    comunque
    l’importante è che sia andata! hai fatto la raccomandata????

  • tu sei fantastica e Sant anche….. io adoro il risotto, l’ho faccio anche piuttosto bene é un rito…
    certo che in effetti siete ben assortiti….
    :))

  • AAArghhh mi hai fatto pensare a quando un par di millemila anni fa, all’esordio nella famiglia dell’attuale principe (arabo-olandese) del mio cuore (‘nzomma) cucinai un risotto per tutti i presenti. Italiana, ricetta italianissima, doveva essere un sucesso. Peccato che: i presenti fossero una ventina, l’attrezzatura da cucina quella di una casa in affitto settimanale da settimana bianca, gli ingredienti rimediati ed il tutto avvenisse in Austria con commensali olandesi. Quando il tanto desiderato risotto, preparato in un’eternità quantomeno sulla scala culinaria olandese, è atterrato negli olando-piatti nella stanza è sceso il silenzio. Solo dopo un eternità il più amorevole tra i presenti ha esclamato “buono”. Nessun altro rispose

    /graz

  • LUI si è ricordato dell’i-pod o TU gliel’hai gentilmente ricordato?? 😉

    Ricordati la raccomandata!

  • chi si somiglia… 😉

    Da noi in casa l’addetto al risotto è il Marito che sia panissa che sia allo zafferano o ai peperoni e gorgonzola slurp è lui il maestro…e rigorosamente solo carnaroli, ne abbiamo smepre una scatola di scorta….

  • io invece sono metodica da far schifo, il risotto tocca una volta alla settimana….però lo faccio ogni volta diverso!!! enn ho niente da farmi perdonare ahahahhaha

  • A casa nostra il risotto è una di quelle ricette che riescono bene perfino a me…
    Qualità ‘carnaroli’, di solito con verdure. Il marito generalmente apprezza.

    Nella mia ‘tardiva’ confessione, io avevo esordito con un ‘tu sai che sono figlia di mia madre…’ ed essendo poi la questione risolta da tempo, il consorte si era limitato ad un ironico ‘scuotimento’ di testa…

  • LGO

    “Magari potremmo farlo una di queste sere”
    questa è una frase da farci un post apposta 🙂
    no, perché qui vuol dire: “magari potresti farlo ( tu e solo tu) una di queste sere”…
    e io odio fare il risotto 😉

  • Siete una coppia meravigliosa!
    La prossima volta però va dritta al punto, ok?!!?

  • Ho appena ricevuto una mail dal Club Degli Editori dal titolo “3 libri a solo 1 euro l’uno!”…interessa? ^_^

    Poteva andare peggio, dai…;)
    Baci
    Tatti

  • Non so se ti può consolare, ma io nel club ci sono cascata e senza alcuna raccomandata di disdetta, ci sono rimasta millemila anni.
    🙁
    Baci baci

  • …sembra di vedere me…pat pat

  • Elga

    Ciao, ti leggo sempre, ma non ho mai commentato. Questa volta non posso farne a meno visto che il 17 marzo ho subito la tua stessa sorte… li hanno sguinzagliati in tutta Italia, visto che io sono a Roma.
    La proposta era un abbonamento a Mondolibri, libreria che tra l’latro sta pure vicino all’ufficio con un sacco di sconti, promozioni tutte per me. Che mi importa, ho pensato, i lbiri li compro la tessera è gratuita, ho pure quella di Feltrinelli!
    Il pomeriggio ho guardato meglio la mia favolosa offerta e ho scoperto che avevo la tessera del famigerato Euroclub. Mandato mail stamattina ed invierò raccomandata in giornata…
    Per quanto riguarda il marito ho buttato là una veloce spiegazione mentre uscivamo di casa con le bambine urlanti, a stasera probabilmente la resa di conti!
    Quindi cara amica allocca fammi spazio sul ramo che mi appollaio accanto a te.
    Elga

  • Titti

    Mi fai morire! Comunque confesso che ai tempi del liceo lavoravo anch’io per un’organizzazione simile – non ricordo se Euroclub – e mi divertivo moltissimo a raccontare delle gran balle pur di fare contratti. La delusione è arrivata più tardi quando ho scoperto che per ogni contratto annullato sottraevano soldi dal mio già esiguo compenso…pensa a loro poveretti :-((

  • Scusa, io vorrei un chiarimento: “la simpatia di un’emorroide”?!?!?!?!
    Ahahhahaahah!!!! Come sarebbe? Mi fa morire, se mi concedi il copyright me la rivendo! 😉

  • Perfortuna si è ricordato della m***accia che aveva pestato la settimana prima, altrimenti te lo avrei ricordato io, così tu potevi infierire.
    Dai che va bene così, siete una bella coppia di svaporati

  • sono svenuta sulla definizione “la simpatia di un’ermorroide”, me la puoi affittare, la defizione dico, ehhhh. non la emorroide. noi siamo quasi sudisti (centristi più che altro) qua il riso va poco, si ogni tanto per cambiare ma la pasta è sempre la prima scelta. posso consigliarti un trucco favoloso per un piatto unico. presente i tranci di salmone che vendono da Ikea? ecco io faccio una specie di risotto (ma in effetti lo faccio con il riso che non scuoce che a noi ci piace tosto) con base di cipolla e un bel po’ di curry, cuocio a parte sempre con cipolla e curry i filetti di salmone e poi zacchete li servo insieme al riso. sembra di stare a Calcutta per due giorni, ma il marito è felice per almeno un paio di settimane.
    baci e abbracci
    Marina
    ps adesso dico una cosa tremendessima (spero che non ci siano foodblogger in giro) ma li hai mai visti i video della Parodi, non sarà Pellegrino Artusi, ma per la cucina di tutti i giorni è fantastica.

  • Valepi
    raccomandata fatta e spedita! a prescindere dalla mia abilità, amo il riso…da piccola andavo matta per i Cioccorì, esisterà ancora?
    Alle
    grazie dei complimenti…alle volte è dura andare d’accordo ma bisogna…come dire? applicarsi 🙂
    Graz
    mi hai proprio divertito con questa storia 🙂
    magari anche gli olandesi sono come i giapponesi, si mangia e si tace, non è carino fare i complimenti!!!!
    Monica
    ricordato tutto: raccomandata e resumè dei suoi errori 😀

  • Agrimonia
    certo tu vivi nella zona del riso, dove ci sono anche i biscotti al riso buonissimi!!!!
    anche il gelato al riso mi piace, ma adesso non riesco più a trovarlo buono. Forse non va più di moda?
    Emily
    la gallina che canta ha fatto l’uovo. Si dice così? Cioè se ti dichiari senza macchia, non sarà che….:D
    Mammamogliedonna
    ok, hai ragione, invece di studiare come imbonirlo avrei dovuto essere coraggiosa ed affrontarlo così:
    “niente per cena perchè il cibo costa e dobbiamo risparmiare per pagare Euroclub forse ad aeternum!”

  • Tatti
    …sei gentile a chiedere ma …col piffero :DD
    Kriegio
    oh, mi dispiace! Si vede che siamo tutte troppo soft riguardo alla lettura 🙂
    Cautelosa
    “carnaroli” è quindi la magica parolina che mi devo stampare bene nella mente, anch’io avrei un risotto alle verdure che sarebbe (stato) un mio cavallo di battaglia. Un po’ lungo da preparare perchè era con il riso integrale, prima lo mettevo a bagno, poi cuocevo nella vaporiera einfine lo mantecavo con le verdure. da quano però le ragazze hanno smesso con gli omogenizzati (13 anni) e si dovrebbe mangiare tutti uguale, loro si sono sempre rifiutate anche di assaggiarlo grrrrr… e quindi ciccia!
    LGO
    hai ragione, odio le frasi di circostanza e quindi sono sempre fregata. Dovrò segnarmene alcune da usare come passe-partout. “Lo facciamo una di queste sere” può andare bene in più occasioni 😉

  • Giulia
    allora sei messa male anche tu 🙂
    Elga
    felice di conoscerti, grazie di avermi lasciato la tua confessione!!!
    Si vede proprio che per gli euroclubbisti è un periodo di grande attività. Forse con le prime belle giornate riescono a “intortare” meglio, le persone sono di umore migliore, più disponibili a farsi turlupinare 🙂
    allora benvenuta sul mio ramo!
    Titti
    allora da piccola raggiravi? Staro più attenta adesso che lo so 🙂
    Taomamma
    la metafora dell’emorroide mi è venuta così, diciamo che è l’evoluzione del classico “dito in un occhio”!!! usala pure 😀
    Zia Cris
    svaporati è un modo carino di definirci, ci sono aggettivi peggiori. Sorrido mentro lo scrivo, grazie! (no, non ho bevuto nulla!)
    Marina M
    anche te è piaciuta la metafora da Preparazione H, bene!
    E’ vero quello che dici su nord, centro e sud a proposito del riso (nonostante l’Unità d’Italia).
    L’avevo dimenticato.
    Grazie della ricettina, a me il salmone piace molto.
    psssss…guarderò quei video!