…duecento anni dopo

Oggi alle donne vien insegnato dalla più tenera età che la bellezza è il loro scettro, così che il loro spirito prende la forma del loro corpo e viene chiuso in quello scrigno dorato, ed esse non fanno che abbellire la loro prigione”

Does it sound familiar? Queste parole vi ricordano qualcosa?

Beh, questa frase è stata scritta circa 220 anni fa (il tempo vola) dall’inglese Mary Wollstonecraft nel 1792 nel suo A Vindication of the rights of women che aveva pubblicato per rispondere ai principi dei filosofi che sostenevano il trionfo dei diritti umani nella Rivoluzione Francese. Diritti per tutti ma non per le donne.

Ho letto queste cose perchè, un mesetto fa, ho comprato un libretto di quelli allegati con il Corriere della Sera: la traduzione italiana appunto del trattato della Wollstonecraft Sui diritti delle donne.

Questa donna, nata nel 1759 e morta nel 1797 di parto (per la legge del contrappasso?) è stata un’antesignana del femminismo. Nata in un famiglia disgraziata con un padre alcolizzato, è riuscita ad affrancarsi a studiare da autodidatta, ha fatto l’educatrice ma ha anche lavorato da un editore, è venuta in contatto con gli intellettuali dell’epoca ed è stata poi delusa dai filosofi sostenitori della Rivoluzione.

Ovviamente la vita della Wollcraftstone, che era anche bella e perciò infastidiva di più, era difficilissima. Osteggiata e oltraggiata da tutti perchè conviveva anzichè sposarsi e faceva figli con padri diversi. Nel parto che però le è stato fatale, nel 1797, ha dato alla luce Mary Shelley che sarà poi l’autrice di Frankestein, quindi qualche soddisfazione dalla maternità, anche postuma, lassù nel paradiso delle femministe, l’avrà anche avuta.

Della sua opera mi ha colpito l’estrema attualità del pensiero: insegnare alle ragazze a capitalizzare sulla loro bellezza, consiglio che non c’è neppure bisogno di rispolverare. (E’ il mantra del momento!)

Mi ha soprattutto rattristato, leggere che la Wollstoncraft scrivesse che la via di salvezza per le ragazze fosse quella di essere considerate alla pari degli uomini, di poter giocare come i maschi, frequentare le stesse scuole, dividere gli stessi interessi, non essere allevate solo come belle statuine da maritare.

Rattristato perchè ora sono passati 200 anni: abbiamo studiato, ottenuto la “parità”, bruciato i reggiseni e messo i push-up, abbiamo la pillola del giorno dopo, del giorno prima e del durante, ma siamo sempre messe malissimo.

La Wollstonecraft credeva, si illudeva, che ottenendo certe traguardi la ricchezza delle donne non sarebbe stata più solo la bellezza. Sorry Mary, ma ti stiamo deludendo!

Per parlare di questo e di come la rete può (magari) aiutare le donne a cavarsela un po’ meglio, domani pomeriggio sarò a Torino al Circolo dei lettori all’evento  W il web al femminile, con me ci sarà Francesca Sanzo, in arte Panz, che parlerà di Donne Pensanti e del nuovo progetto Svegliatevi Bambine, Giuliana Girino di Unamamma, la scrittrice fiorentina Lidia Castellani e la giornalista di Repubblica Vera Schiavazzi.

Sarà alle 15,30 e in contemporanea ci sarà anche un laboratorio, seguito dalla merenda per i bambini.

Dopo ci sarà Roberto D’Agostino che presenterà Cafonal e magari preferite venire a vedere lui, senz’altro divertente 🙂

13 comments

  • Sul fatto di “sfruttare” in maniera intelligente la propria bellezza, nulla da ridire… anzi… chi riesce a farlo con eleganza e dignità ha solo che la mia stima…
    ma sul fatto della parità… avrei milioni di cose da ridire…
    ma davvero ci ha fatto così bene raggiungere questa tanto agognata parità??? Ma davvero l’abbiamo ottenuta???? E’ questa la parità che volevamo???

  • bisogna sottolineare che la Wollstonecraft era inglese, e quello che ha detto e insegnato forse in Inghilterra ha attecchito. Noi che guardiamo la condizione della donna con l’occhio deformato dalla nostra realtà italiana non possiamo che rattristarci.

  • extramamma

    Micaela
    E’ proprio il nostro concetto di parità conquistata che mi turba un po’, mi sembra più teorica che pratica, quindi sono d’accordo cone te.
    Itmom
    Grazie di aver evidenziato questo fatto: la nostra mentalità latina ci penalizza di più, il concetto di macho man ci rovina! Quando, vivevo a Londra infatti mi ricordo che la bellezza era molto meno ostentata. Gli inglesi sono molto più rigidi e anche meno discriminatori su questo fatto, salvo poi lasciarsi andare a commenti e palpeggiamenti quando sono un po’ più sciolti, dopo qualche drink.

  • Nooouuuu, torni a Torino e io domani sono bloccata da una festa di compleanno nel pomeriggio e da una cena organizzata a casa mia, per la sera!!!
    Peggio di così non mi poteva andare….

  • Sono d’accordissimo con ItMom. Che amarezza…

  • Date le premesse, l’incontro di oggi sarà molto interessante! Magari anche animato. E Silvia di Ringhiandoalmondo come parlerebbe di questo argomento?

  • Resta da capire quello che si intende per parità…il fatto stesso che se ne debba parlare significa che nella mente di molti non c’è!

  • Cara Patrizia, anche io non mi sento di dire che i traguardi non sono stati raggiunti, ho fiducia nelle prossime generazioni e nella capacità che avranno i nostri figli di saper fare la giusta mediazione culturale dopo secoli di storia in cui le donne sono state troppo remissive, troppo aggressive, troppo esibizioniste…e la cultura maschile che seppur con tanti acciacchi dura a morire.

  • più pilo per tutti…ed alcune lo mettono in pratica

  • extramamma

    Kriegio
    mi dispiace nona verti vista, sarà per la prossima volta!
    Bismama
    speriamo che questa delusione e tristezza che prende tutte serva almeno a smuovere un po’ le cose, ti segnalo questo link
    http://www.facebook.com/home.php?sk=group_110315819033335
    Gloria
    Silvia forse non potrebbe andare perchè deve mantenere il più stretto anonimato 🙂
    Viola
    hai colto in pieno il nocciolo del problema: la parità è ancora troppo teorica in molti, troppi, campi.
    Arianna
    Hai ragione, per noi donne è ancora così difficile trovare un equilibrio: segnalo anche a te, mamma di bambine, il link che ho messo nel commento di Bismama.
    Agrimonia
    sei tremenda e ci hai preso in pieno sigh!

  • Alla prossima volta!!
    Ti ho nominata in un mio piccolo post!
    http://kriegio.blogspot.com/2011/01/post-di-informazione-donne.html

  • Kriegio
    dai speriamo che capiti presto un’altra occasione 🙂
    sono venuta da te, grazie! Uniamoci per diffondere!

  • A person necessarily help to make severely posts I might state. That is the first time I frequented your web page and up to now? I surprised with the analysis you made to create this particular submit incredible. Excellent job!