Lady WC

Mentre tutti gli altri milanesi hanno fatto il ponte noi siamo rimasti qui ed è andata così:
Sabato: centro commerciale per un po’ di shopping. Mi sentivo veramente in forma, come non capita spesso: capelli a posto, truccata, vestitino di lana nuovo, tacchi. Un’extramamma proprio caruccia. E invece…
A un certo punto, verso fine pomeriggio, le mie figlie dovevano andare in bagno. Le ho accompagnate: entravano in due bagni diversi, mi sono piazzata fra le due porte e ho detto: “Non chiudete, sto qui io a dire che è occupato”
In quel momento è arrivata anche un’altra giovane signora che mi ha detto:
“Già che è lì può farlo anche per me?”
Non me la sono sentita di fare l’offesa e ho detto un laconico: “Ok”
Nel frattempo è entrata un altra donna, ha visto me, ha guardato le porte chiuse e ligia al dovere le ho detto:
“Sono tutti occupati”
La giovane signora è uscita e mi ha annunciato: “Che schifo era tutto sporco!”
La seconda donna è entrata ma è uscita quasi subito, dicendomi arrabbiata:
“Non c’è la carta!”
A questo punto anche le mie figlie sono uscite e finalmente la mia avventura da LadyWC è finita prima che mi arrivassero altre lamentele o richieste.
Essere scambiati per qualcun altro è una cosa che succede, ecco qualche esempio dal passato:

Una volta nel giardino lussureggiante e tropicale di un albergo di Mauritius a Sant’ una signora (italiana credo) gli ha chiesto se poteva portarle velocemente le valigie nel bungalow.

Tantissimi anni fa quando ero appena arrivata a Milano, vivevo in un monolocale di un palazzo, dove nel siminterrato c’era “Shanghai sauna e massaggi”, che altro non era che un italianissimo bordello. Il gestore/pappone era un signore che spesso stava davanti alla porta ad aspettare le aspiranti massagiatrici. Si chiamava Antonio (un giorno infatti ne era arrivata una mentre passavo e lui si era presentato).
Un pomeriggio, mentre andavo a buttare il pattume, il locale dell’immondizia confinava con il lupanare, ho incrociato un socio in affari del gestore che mi ha apostrofato dicendomi: “C’è Antonio?”
Non me la sono sentita di rispondergli, scandalizzata, che non facevo massaggi perchè non aveva una bella faccia e mi faceva anche un po’ paura. Così con una vocetta da geisha ho detto un timido: “Non lo so!”

hopper

Domenica: Sant’ ed io siamo andati al cinema a veder A serious man, l’ultimo divertentissimo film dei fratelli Coen, era la seconda proiezione e nella sala gremita c’erano anche due genitori con la carozzina e una bebeina di 5 mesi. Che ogni tanto faceva ghe-ghe . Ma si può?
IMG_0084

Lunedì: la mostra di Edward Hopper a Palazzo Reale. E’ uno dei miei pittori preferiti, quindi ero molto felice di andare a vederla. Doveva esserci anche un’attività didattica che si è rivelata poco eccitante, la cosa più divertente è stata la possibilità di fotografarsi in uno dei suoi quadri, il celebre The Morning Sun.
IMG_0085

IMG_0090

acc…abbiamo sbagliato l’inclinazione della schiena!

22 comments

  • Il bello è che le due signore avranno pensato che per lavorare come LadyWc sia necessaria una bella presenza e una certa eleganza…
    A me, invece, è capitato più volte, in Inghilterra e in Irlanda, di essere scambiata per una “locale” e di essere quindi interpellata con discorsi lunghissimi di cui capivo forse una-due parole, nonstante il mio studio intensivo…
    Belle, infine, le vostre foto in front of the picture. Tre belle fanciulle…
    Ciao!

  • annalisa

    Io sul lavoro mi sento sempre dire:”Tu sei qui per il tirocinio?cosi’ giovane…Quando ti laurei?”…grrrrrrrrrrrrr, Oppure :”C’e’ il dottore?”(pensano a me come un infermiera).grrrrrrrrrrr
    CRIBBIO SONO IO IL FOT…Dottore!!!…Va beh..lo prendero’ come un complimento…Dimostro dieci anni di meno…:-((
    Notte
    Annalisa

  • glisserei su ladywc (il tacco sulla piastrellatura sbocconcellata di un bagno pubblico fa abbastanza sorridere da sé… e l’ironia che aggiungi tu fa il resto), invece alla profe e al sottoscritto intriga molto Hopper (j’adore): che ci dici della mostra? Vale il viaggio da Firenze?!
    ciao

  • Nooooo, io VOGLIO gli stivali gialli!!

  • Mannu

    Circa 13 anni fa (cavolo come passa il tempo!) mi hanno intimato di uscire da un negozio di tappeti di pregio! “Fuori, fuori”, poi rivolto a mia madre, che era entrata prima di me, “non se ne può più di questi zingari, specie nei giorni di mercato!”.
    ??

    allora mi butto su A serious man, non so perchè ma in questo periodo mi sembra difficile tutto. Sono stata traumatizzata 13 anni fa da un iraniano armeno! Io però ho traumatizzato lui. Non è più stato sicuro di sè. Uno, nessuno, centomila!

  • @Cautelosa
    grazie dei complimenti 🙂 se va male con il libro ho un futuro assicurato in zona toilet!
    @ dott. Annalisa
    sei fortunata non dovresti lamentarti 🙂 per 10 anni di meno c’è chi si liposuziona di brutto1
    @Desian
    non credo che valga il viaggio: un po’ sono rimasta delusa perchè non è molto vasta, nonostante tutta la pubblicità che ha avuto. Ci sono molti schizzi, incisioni, un po’ di illustrazioni, un paio di quadri erotici (niente a confronto di quello che si vede in tv!) ma i quadri quelli che io amo, quelli che l’hanno reso famoso sono pochi purtroppo!
    @Mammafelice
    me li ha passati anita: a lei è cresciuto il piede e io ho ereditato! .-*

  • No, scusa, ma che numero porti di scarpe?

  • Li voglio anche io gli stivaletti cosi`
    Francesca

  • NU

    Peggio di LadyWc? Richiesta della tariffa per prestazioni, come dire? Da geisha? Mi sono molto offesa!

    Ma che belle le nuove modelle di Hopper! A proposito della mostra, in effetti ha ragione Extra: non vale il viaggio a MI. Carina, ma striminzita rispetto al batage pubblicitario! E per la serie genitori sciagurati (anch’io avevo pensato di portare la peste al cinema, poi sono rinsavita!), ho portato a quella mostra anche il pargolo. Dopo l’interessamento per i primi tre quadri è stato un delirio di corse e urla… con mia immensa vergogna!
    Dopo il rovinoso long week, direi che sono entrata clamorosamente nei terribili “two years”: ho realizzato che per ora mi toccano solo i giardinetti (vanno bene anche i cantieri), i villaggi vacanze, le ludoteche e le feste per bambini.
    Extra, ma tu cosa facevi con le tue figlie duenni?

  • @Mammafelice
    ho il 37 e lei 39-40 🙂
    @Francesca
    come ho detto a Mammafelice è stata una fortuna che ad anita non andassero più e li ho beccati io!
    @Nu
    mi sa che hai già nominato tutti i posti papabili…ti rimangono solo le amiche consenzienti e il lunapark. Il Natale che anita aveva 2 anni ho tutto un reportage sulle giostrine! Mi dispiace che il long w/e sia stato rovinoso!

  • @Mannu
    scusa ti avevo dimenticato….la tua storia con i tappeti mi ha fatto ridere e anche venir in mente che un paio di anni fa avevo portato qui in nella parrocchia locale dei vestiti a dare alla Caritas e una signora che mi ha aperto, prima di chiedermi cosa volevo mi ha detto: “no, oggi non c’è il corso di italiano per stranieri!” ero in bici e un po’ spettinata forse un look come il tuo dal tapezziere/tappettiere 😀

  • Post esilarante! Cavolo, ma allora è meglio andare in giro trasandate così ci prendono tutte per intellettuali.
    Quanto a Hopper anche noi abbiamo in programma di andarci, è uno dei miei artisti preferiti, voglio la foto!

  • cavoli che bel fine settimana, voi site favolose pero eh?:)

    i tipi con il bébe al cinema non ho parole!!

    tu ambiata per signora WC….;)

  • extramamma

    @Alle
    grazie! Forse il w/e sembra più bello raccontato, ma non è stato amle, va’ 🙂

  • omaronna quanto ho riso. pensare alla tua faccia. ma almeno al bagno una monetina potevano dartela eh? 😉

    COME HO RISO
    grazie
    panz

  • I tipi con il bebè al cinema: HANNO CAPITO TUTTO DELLA VITAAA. posso solo augurarmi che sia il quinto figlio, o mi suicido.

    Cavolo a me non mi scambiano mai per nulla, forse parlo troppo?

  • Cara Panzy, c’è la crisi e si tira a pisciare aggratis!
    @Mammamsterdam
    Sai che ti ho sognato? ero a casa tua lassù in Holland, che sia premonitore 🙂 ?
    Non ti scambiano perchè tu hai già molteplici personalità!

  • Complimenti per il blog.
    Interessante la coppia con neonato al cinema…
    Comunque gli scambi di persona o ruolo sono sempre divertenti !
    Una volta mi è capitato di essere scambiata per la maschera a teatro ! E ho dato anche la giusta indicazione…
    A presto!

  • Giannina
    ciao, ho fatto un passaggio anche da te 🙂 la maschera al cinema: non male!

  • Io credo che Hopper non si offenda, le vostre schiene sono belle e sono solo un’altra visione del quadro. Chissà se gli era venuto in mente di far indossare a sua moglie gli stivali dell’acqua!?!?
    sonia

    Ps Hopper mi ha delusa, file di schizzi preparatori… ma il risultato?!?!
    Calder a Roma bellissima, da vedere!!!

  • extramamma

    Sonia
    hai ragione tutti quegli schizzi alla fine davano un po’ sui nervi! però ai bambini hanno regalato una matita belòa morbida per schizzare anche loro a casa 🙂

    Calder è vero è fantastico, chissà se risuciremo ad andare!