Ultra-multi-december-tasking

Dicembre è un mese diabolico per le mamme: ci sono milioni di cose da fare e il tempo vola. Sono anche oberata dal lavoro e quindi ancora più ansioso-paranoica. Quindi cerco di inventarmi sempre più situazioni in cui posso fare due-tre cose in una volta per economizzare secondi preziosi. Cose banali come: riempire la lavastoviglie e telefonare, fare la cyclette e leggere o rispondere a sms, stirare e guardare un Dvd con le mie figlie, cucinare e aiutare a fare i compiti, asciugarmi i capelli e leggere il giornale, pulire i pavimenti e imparare il francese. Andare in pizzeria con la mia famiglia e fare un’intervista al telefono. Guidare e insegnare l’inglese a Emma con un cd nell’autoradio. Lavorare al computer e farmi una maschera idratante. Oppure il manicure e surfare in rete (il risultato però è scoraggiante).
Una volta allattavo e leggevo (allora ero un’ignara principiante) .
Poi c’è il grande classico: accompagnare le figlie a un corso e portare il computer per lavorare.
Non metto guardare la tv che si può facilmente abbinare a tutto, perchè non è un dovere ma un passatempo, mentre stirare e guardare un Dvd, magari di cartoni animati, è più un dovere genitoriale.
Anche telefonare si può più o meno abbinare a tutto.
So che potrei migliorare, perciò voglio conoscere le vostre strategie: cosa abbinate? Sesso e stiro? Lasagne e pediluvio? Ceretta e spesa on-line? Shopping natalizio e conference call per briefing aziendale?

31 comments

  • Io niente strategia-abbinamento ma piuttosto strategia-me ne frego.
    La casa è un casino? Pazienza!
    Frigo vuoto? “Pronto amore stasera Pizza o cinese”?
    Insomma cose del genere.
    L’altra strategia è rinunciare a qualcosa, ultimamente cerco di non dormire per risparmiare ore.
    Però non fraintendermi i miei momenti di relax me li prendo eccome e non ci rinuncio. Il cappuccino al tavolo con la o le amiche la mattina. La cioccolata calda e un buon libro dopo pranzo. Il pomeriggio a giocare e leggere insieme, il blog. Insomma sono quei momenti rigeneranti che danno la carica.
    Uh mamma questa mi suona come uno slogan pubblicitario. Quale cioccolatino era?:)

    P.S Ho dimenticato di ringraziarti per l’ultima volta, sai per il discorso sul vampiro che poi non abbiamo continuato.
    Da te non potevo aspettarmi risposta migliore. Non sopporto quando bisogna essere per forza daccordo su tutto. Qualche volta fa piacere anche la discussione, il dibattito, il confronto no?
    Va bene ho capito, ora puoi pure venire a fare qualche critica da me ok? 😉
    Un bacione e Buona notte! (Tu dormi?:))

  • Io ho avuto un lunghissimo periodo in cui portavo mio figlio a nuoto/catechismo e studiavo, buttavo la pasta e studiavo, passavo l’aspirapolvere e studiavo, andavo al mare e controllavo con un occhio che il figlio non affogasse e con l’altro studiavo. Idem ai giardinetti. Poi finalmente ho smesso (sembra una dipendenza da tossici…) Ora, aiuto mio figlio a studiare e lavoro al pc, oppure controllo compiti e cucino (a volte sbrodolando i quaderni!), e poi le solite cose da dilettanti… come stendere la biancheria e telefonare, oppure leggere un libro a rate mentre si è in gabinetto!

  • Anche io uguale uguale a Mammagiramondo.

    Cioè, anche io di solito faccio più cose contemporaneamente, ma chissà perchè non riguardano mai nè la casa, nè le lavatrici, nè soprattutto il ferro da stiro… ma esistono ancora i ferri da stiro? Cioè davvero tu stiri?
    Forse dovrei vergognarmi a dire queste cose. 🙂

    Ultimamente lavoro in modo un po’ disumano, e quindi anche io rinuncio più che altro a dormire. O schiatto, o ce la faccio.
    Forse la prima che ho detto 😉

  • extramamma

    @Mammagiramondo
    io devo dormire altrimenti divento un’assassina! Però se riesci a digerire tutte qulle pizze e quel cibo cinese sai grande 😀
    oggi pomeriggio mi farò una ciccolata anch’io, magari mentre spazzo il balcone!

    sui vampiri no problem, il blog deve essere così: uno scambio di idee, altrimenti è solo un nauseante parlarsi addosso. baci

    @melanele
    complimenti: hai studiato un sacco! Il quaderno o il diario di scuola sbrodolato c’è anche da noi ^ – ^

  • extramamma

    @Mammafelice
    ti mando un jpg del mio ferro! e poi, dai, non schiattare che è Natale :-*

  • ahhahaaaa il jpg del ferro è bellissimo 🙂

  • Stirare…..e` da Agosto che rimando, penso di avere un cestone con cose anche estive che andrebbero stirate, in genere piego il bucato rigorosamente difronte alla TV e facendo rientrare nella categoria NON SI STIRA piu` cose possibili, divido i panni piegati gia` in ceste individuali e metto a parte cio` che va ` necessariamente stirato accumulando piu` bucati e poi facendo una immersione con il ferro da stiro, prima di Natale ho necessariamente da affrontare la prossima. Per le altre cose tipo spesa cerco di farla la sera dopo il lavoro nei negozi e super che sono di strada in modo da salvare il sabato, pulizie di casa aiuta molto mio marito, lo pretendo ed in due si fa prima! Cucinare lo considero un piacere per cui e` piu` facile trovare il tempo per farlo e cerco spesso di coinvolgere i bimbi
    francesca

  • anch’io cerco nei limti del possibile di abbianre le cose! ultimo abbinamento: la bambina fa il bagnetto nella vasca e io (sempre nel bagno) ripiego i panni stesi sullo stendino..

  • lisa

    sei fantastica e io ti adoro!

  • NU

    Compiti di inglese mentre piccolapeste è sul vasino; agenda plaining mentale sotto la doccia, stiratura la mattina mentre strafogo il caffé, smalto a mezzanotte davanti alla tv, libro mentre vado a lavoro e relazioni sociali in pausa pranzo! Abolizione shopping natalizio… 🙂

  • Ieri, regali di Natale e macchina per un preventivo (stellare!) dal carrozziere: trovato carrozziere vicino al centro commerciale, lui faceva i suoi conti, mentre io mi riempivo di scatole di lego per tutti
    Di solito, pc in piscina… no, nel senso che il Sorcetto è in piscina ed io scrivo.
    Poi c’è un grande classico, ma questo è meno da mamma: scrivere i post per il blog mentre sono in attesa di fare udienza (le ore buttate non me le posso più permettere).
    Cucinare per la cena, all’ora di pranzo, mentre sorveglio con finta noncuranza il Sorcetto che fa i compiti.
    Guidare e smaltire un po’ di telefonate di lavoro e non.

    Scusate… ma come fate a non stirare proprio niente??? Vi prego svelatemi il mistero!

  • extramamma

    @Francesca
    …quindi possiamo aggiungere una nuova interessante categoria: cucinare e intrattenere i figli allo stesso momento! Sullo stiro vedi che sta suscitando scalpore, penso che la piegatura dopo un po’ di mesi in fondo risolva, no? Certe volte si mette una cosa nel cassetto piegata e poi dopo un tot la tiri fuori e fa schifo…allora tanto vale 😉
    @Angiolettoangelico
    ma che nome divertente! sono venuta sul tuo blog ma non mi sono registrata, però mi piace molto! Mi sembri sulla buona strada con il multitasking 🙂
    @Lisa
    grazie, ti adoro anch’io <3
    @Nu
    infatti avevi delle belle unghiette! 😀 Poi perchè cantare sotto la doccia quando si può fare un bel planning?
    @Silvia gc
    Ti credevo messa meglio, invece anche tu hai sviluppato i tuoi bei superpoteri per sopravvivere! Anch'io ieri ho "cozzato" la macchina, accidenti! Anch'io ho comprato Lego per Natale.

    Parlando di udienze, invece, cosa ne pensi di Sollecito che legge la sua difesa: "non-ho-ucci-so mere-dith!"?
    Per essere un laureato legge anche in maniera un po' tentennante! L'urlo dell'innocenza non dovrebbe venire dal cuore e non da un foglietto?

    sull'interessante problema stiro invece, direi che il trucco è nel piegare tutto bene e (nel mio caso) portare le camicie al lavasecco 😉

  • @Silvia gc… vado in giro stropicciata! 🙂
    (però io al massimo vado a fare la spesa al discount, mica devo andare a lavorare davvero)

  • Io intanto non ho la TV e stiro in extremis le camice del capo e solo quelle e solo quando proprio non arriva a stirarsele lui. poi mischio quello che posso e quello che capita, i rapporti personali li tengo per e-mail, taglio tutto quello che posso tagliare e tiriamo avanti.

    Però l’I-phone, non per fargli pubblicità, ma è una sborata fotonica. Ecco, quello e ancora non oso metterci su le mail o non starei più al computer, da quando ce l’ho è tutta un’altra vita, nn ho più momenti morti praticamente. Dovunque devo aspettare mi leggo il giornale, leggo blog ecc.

  • extramamma

    Cara Mammamsterdam
    concordo con la sborata fotonica* 😀 anche a me ha cambiato la vita!

    *efficace espressione inventata da Mammamsterdam, chiaro esempio della sua iperbolica creatività!

  • Poi mi dici in base a cosa davo l’idea di essere messa meglio…
    Comunque la macchina non l’ho cozzata io e ci tengo: tutti i bozzi sulla carrozzeria sono opera dell’ingegnere! Ora me la faccio tirare a lucido dal pretenziosissimo carrozziere!
    Anche io piego con molta, molta attenzione… ma una botta di ferro ogni tanto non riesco ad eliminarla…

    Confesso che non ho visto nè sentito queste belle dichiarazioni spontanee di Sollecito: certo, leggerle dal foglietto è veramente una mossa vincente! Comunque resta sempre valida la vecchia teoria forense secondo la quale l’imputato è meglio che stia zitto, che tanto combina sempre guai e poi tocca metterci le pezze!

    Mentre scrivo noto che le tende hanno bisogno di un giro in lavatrice… Mi sa che adesso, mentre mi faccio un giro di google reader ne metto su un paio…

  • Beh, non sono una mamma e neanche un santo ma oggi ho steso la lavatrice mentre usciva il caffè così il bucato si è asciugato e poi ho pulito il piano del gas. Poi però mi sono ricordato che dovevo fare un paio di telefonate così con l’altra mano maneggiavo il sap (che per chi non lo conoscesse è un diabolico database per noi commerciali) e il cellulare, chiuso nell’incavo della spalla, è passato proditoriamente in stato “vivavoce” togliendomi parte dell’udito (l’altro orecchio dall’altra parte della testa si è salvato…) per parecchi secondi. Nel frattempo ho risposto a un paio di commenti sul blog e quelli non ne volevano sapere di farsi pubblicare… allora per ripicca ho buttato un occhio sull’oroscopo di Repubblica: “Non preoccupatevi se vi sembra che la gente non vi venga dietro e non vi capisca. Mercurio, a breve, abbandonerà la posizione difficoltosa con il vostro segno e vi permetterà di comprendere come mai la gente si comporti in maniera poco convincente con voi. Tutto andrà meglio!”.
    Secondo te, era un’avvertimento???
    ciao

  • @Silvia
    come vanno le tende?
    Avete un sito perfetto perciò mi immaginavo forse, nella mia demenza, una schiera di webmaster servizievoli ai vostri ordini, tate e colf nella vita domestica, udienze in una giustizia equa e sempre puntuale…un sogno, invece sei una campionessa nelle acrobazie 🙂
    Grazie per le delucidazioni sugli imputati!
    @Desian
    Sei bravissimo, ma Mercurio contro…acc… sono cavoli amari!
    Spero che oggi vada meglio 🙂 anzi controllo su FB che non siamo dello stesso segno perchè il tuo oroscopo “sounds familiar” come dicono gli inglesi.

  • Pingback: Caro Babbo Natale (i regali per i miei bambini)... | Mercatino dei Piccoli

  • Ah, io sono tornata ad essere la donna che fa una cosa per volta! Ogni tanto succede che lavori in contemporanea su più fronti: sposto due cose dal soggiorno, stendo due panni, sgombero un po’ il tavolo di cucina, rimetto a posto la spesa. Per non annoiarmi… Ma devo essere sola in casa, perché se c’è il consorte, come minimo si scandalizza.
    Fallo tu, allora…gli rispondo.
    Insomma, bisogna pur difendersi!

  • azzo extra mi sono vista anche io faccio così io sono la maestra del fare 4 cose contemporaneamente, a volte innervosisco tutti proprio xkè sembra che nn mi concentro su nulla…però la tragedia è che la faccio sempre,anche quando nn è dicembre. che diciamocelo, è proprio un mese di merda. ma xkè tutti vogliono trovarsi x scambiarsi gli auguri???? io vivo bene anche senza!
    lo so sono un essere orribile, ma nn riuscirò ad arrivare viva alla fine se accontento tutti

  • anche io multitasker cronica, tanto che gia’ professionalmente i miei colleghi maschi fanno fatica a seguire tutti i vari fronti aperti di lavoro… a casa, dispersiva al massimo, inizio quattro cose e pivoto sulle quattro…
    l’esperienza piu’ devastante e’ quando carico la lavatrice mentre interrogo il figlio maggiore, regolarmente dimentico di calcare il pulsante on perche’ il mio pargolo mi risucchia le risorse intellettive in maniera assurda, ma come fa?!

  • annalisa

    Io rimando..!Fare piu’cose contemporaneamente..mi stressa troppo..al massimo guido e telefono..con l’auricolare che fa molto figo:-))
    Quando sono a lavoro mi sembra quasi una vacanza..Anche se poi a casa non stiro mai:-)….Dormo e sogno..quello si!Un abbraccio superextramum
    annalisa

  • per adesso mi limito a scazzeggioblog ed allattamento, che può sembrare poco e banale però ho il bonus che una volta sì ed una no devo digitare con la sinistra perchè la pupa sta mangiando a destra….^____*

  • @Emily
    non potrei essere più d’accordo con te! E sono così un essere orribile anch’io 😀
    @Cautelosa
    fai bene a rispondergli per le rime 🙂
    @Soleil
    a me succede con la lavastoviglie, la carico, poi quando sto per avviarla, si richiede la mia attenzione in qualche stupidata e così 3 ore dopo ritrovo i piatti tutti sporchi e mi girano a elica!
    @Annalisa
    dormi, sogni e ci vuoi far morire tutte di invidia, brava segui la nuova tendenza di slow parentig i genitori lenti che hanno re-imparato a ripigliarsela un po’ comoda!
    @Agrimonia
    qui siamo a tetta sinistra o tetta destra? Io leggevo il cartaceo ai miei tempi dell’allattamento perchè non c’erano ancora i blog. Forse c’erano solo i più fighi in USA nel 2000! Devo informarmi 🙂

  • LGO

    Non ditemi che è un problema invernale o mi deprimo :-PP
    Io faccio almeno tre cose insieme tutto l’anno :-((
    In genere apro qualche libro o sito per farmi venire l’ispirazione per una lezione strafica e intanto che il cervello lavora in background chiamo qualche figlia a ripetermi le lezioni mentre carico la lavatrice e preparo la cena. Sono riuscita finora a non mettere mai i calzini nella pentola della pasta e lo considero un grosso successo.

  • LGO
    no purtroppo non è solo invernale: cercavo di essere ottimsista! Ma il calzino fritto potrebbe essere un’idea 🙂

  • Il multitasking non è una scelta consapevole, ma un modus vivendi per la sopravvivenza della donna moderna. Io non amo lo stereotipo maschile-femminile, ma sul multitasking noi donne siamo veramente imbattibili (e gli uomini imbranatissimi). GG non riesce a parlare al telefono e osservare il figlio che gioca da solo. Ora dico, non è che ci voglia molto: deve solo verificare che non si tuffi nella fontana mentre gioca ai giardinetti, no? Comunque il mio personalissimo multitasking preferito è quando piego i panni, mentre canto (al buio) la ninna nanna a Pollicino, e ripasso mentalmente la mia to-do list per genitoricrescono 🙂

  • io non amo gli stereotipi, ma quello che la donna è un genio del multitasking e l’uomo è mediamente totalmente imbranato ha un fondamento di verità. GG ad esempio non è in grado di parlare al telefono e supervisionare il Vikingo che gioca. Che non è che ci voglia molto a controllare che non cada nella fontana!
    Comunque il mio momento di multitasking preferito è sicuramente quando piego i panni puliti mentre canto la ninna nanna (al buio) per Pollicino e intanto rifletto sulla mia lista di cose da fare per genitoricrescono 🙂
    Sarà per questo che Pollicino ci mette tanto ad addormentarsi ultimamente?!

  • oops! Per qualche motivo il mio primo commento non appariva e allora l’ho ripetuto. Gosh, Ora sono al limite dello spamming! 🙁

  • Grazie Serena della tua (esuberante) testimonianza che condivido in pieno, abbasso gli stereotipi meno quando ci azzeccano! al buio come vengono i panni: piegati bene? 😀