Carissimo Eurodisney


Ieri mattina mentre ci preparavamo per andare a Eurodisney ho detto a Sant’: “…comunque 200 euro per entrare…caspiterina…facciamolo capire a “quelle due” che è un regalone…”
“Smettila così rovini la giornata!”
“????!!!”
“Sì, andiamo una volta nella vita, non insistere smettila!”
Mi venivano in mente soluzioni meravigliose e allettanti per spendere i miei 51 euro di ingresso in altro modo, ma non ho osato insistere.
Mi veniva in mente la storica frase di Indro Montanelli:
“Tappiamoci il naso e votiamo DC”.
Ecco, per me andare a dare 200 euro a Topolino faceva sentire alla stessa maniera.
Una giornata di sole magnifico, temperatura 20°, ma sulla mia testa continuava a esserci la nuvoletta nera della madre riluttante e arrabbiata che non sapeva quale fosse il giusto limite fra il compromesso consumista e il boicottaggio talebano.
Mi sono rasserenata solo sparando con la pistola laser sulle astronavi di Buzz Lightyear. Perchè oramai ero in ballo e non potevo tenere il muso tutto il giorno.
Come suggerito da Mammamsterdam, mi ero portata uno snack, menomale perchè quando abbiamo cercato di pranzare, tutti i ristoranti erano strapieni con code lunghissime di affamati in attesa. Le bambine hanno comprato il pop-corn ma l’hanno buttato perchè era caramellato. C’era purtroppo solo così. Nonostante fosse lunedì ovunque era affollatissimo. Le code per ogni attrazione peggio che alla ASL e su questo contano Mickey Mouse e i suoi sodali, le famiglie che devono ammazzare il tempo fra un roller coster e l’astronave di Dumbo comprano, comprano e comprano. Gadgets su gagdets a prezzi assurdi: un vestitino da principessa (base) 45 euro, cerchietto con orecchie da Minnie 10. E alla faccia della crisi, incredibilmente, tutti acquistano.
Quando alcuni anni fa a Milano, hanno aperto il Disney Store anch’io mi ero fiondata entusiasta a comprare astucci di Nemo, t-shirt di Cars e mutandine di Trilly e ho scoperto che la qualità è veramente infima, perciò questi prezzi nonostante il brand, sono esagerati. Cosa mi è piaciuto? La zona Fantasyland, dedicata ai bambini più piccoli. L’architettura dei castelli e dei palazzi. Un bambino di colore, di circa 5 anni, che dopo un’ora di fila nel castello catacombale per salire sul barcone della crociera Pirati dei caraibi, ancora cantava felice e incantato.

Abbiamo fatto un abbonamento settimanale alle RER e alla metropolitana con una carta che si chiama Découverte Navigo. La grande soddisfazione che dà questa carta è che si passa strisciando la carta con nonchalance su un piccolo visore, all’entrata del metro, i tornelli si aprono in un secondo. Niente code, niente domande, niente calcoli su quento costerà il biglietto. Sembra quasi di essere parigini. Anita ed io ci siamo particolarmente entusiasmate e ci alleniamo per passare questi tornelli nella maniera più cool possibile: oggi ho sbattuto l’osso sacro contro un tornello bloccato, lei è rimasta incastrata con una gamba. Sappiamo che la strada per diventare veramente abili è ancora lunga e sabato saremo piene di lividi, ma continuiamo ad allenarci.

11 comments

  • beba

    tornerete integre? ah ah ah Dai tutto sommato tra un po’ di sano approfittamento credo che resti un luogo incantato dove riaffondare un po’ l’infanzia dei ricordi.
    Divertitevi.

  • Anonymous

    51euro??!!!E quando sara’ il mio turno?tra 6/7 anni…Quanto mi costera’??500!!??Devo cominciare a mettere da parte il soldo ora..altro che universita’!!
    buona permanenza
    annalisa

  • natalia

    ma come scrivi!…mi immagino tutto, soprattutto i lividi alle sbarrette della metro e gli spari con le pistole a raggi laser… sei divertente, fresca e molto realistica. in fondo sono cose che potrebbero capitare a tutte, o no?
    godetevi queste vacanze e sopratutto le vostre figlie, questi momenti rimarranno per sempre!!!!

  • Renata

    Duecento euro sono davvero una bella cifra, il mio animo brianzolo avrebbe fatto dietro front temo.
    Ho letto gli aspetti positivi e quelli negativi, ma come si chiude il bilancio: utile, perdita o pareggio?

  • mammafelice

    Siete meravigliose 🙂

  • Sant

    Emma e Sant non hanno lividi e passano i tornelli con la tipica grandeur del luogo.

  • Rossana

    Sant è il solito precisuomo. 😀

    Ma ciao ragazze,
    l’entrata è davvero cara, infatti secondo me è più conveniente acquistare i pacchetti di soggiorno, ma voi non dormite lì.
    Ho delle foto dei giorni passati lì con ali da trilly, coroncine dorate e altre menate che non ricordo neanche più quanto mi sono costate. Ti dico solo che al ritorno volevamo impiccarci.

  • alleg67

    bravissime!! e smettetela di farmi lividi!!! 😉

  • piattinicinesi

    mi raccomando portale alla villette!!

  • Extramamma

    @Piattini
    Sai che alla Villette c’era una famiglia di Roma e mi sei venuta in mente. Mi chiedevo se fosse Piattins’ family.
    @Rossana
    Credo sì, che prenotando il pacchetto si risparmi, penso che loro contino molto su quello.
    @Renata
    Diciamo pareggio, nel senso che ora sono pacificata con la coscienza, sono andata, ho pagato e ora basta!
    Alle altre, grazie e tanti auguri 🙂

  • chiara71

    Anche a me hanno detto che eurodisney è così caro e visto che sò che un giorno il mio piccolino mi chiederà d’andarci stò mettendo da parte i soldi nel frattempo ho scoperto che in europa ci sono altri parchi molto belli e un pò meno costosi spero di riuscire a dirottare gli interessi di mio figlio lì ma è ancora presto per dirlo ha solo 3 anni e mezzo!