Peggio di così…

Sul D di Repubblica ho letto un bellissimo, interessante e purtroppo realistico articolo sulla sessualizzazione precoce degli adolescenti. I nostri figli sono esposti, immersi, in un mondo altamente erotizzato e ne vengono manipolati senza avere la maturità e la competenza per interpretare e filtrare i messaggi. Questo cercavo di spiegare anche ad Anita, domenica dopo aver visto “Romeo and Juliet” e riflettuto sull’età acerba della protagonista. A quattordici anni lei si è “rovinata” per Romeo, ora ci sono delle bambine di undici, di nostra conoscenza che messaggiano su internet con dei nick name da bombe del sesso o descrivendosi nel loro profilo con frasi spagnoleggianti che invitano all’amplesso. Cosa facciamo? Ascoltiamo il premier che ci spiega che la proporzione soldati e belle ragazze non è attuabile? O guardiamo Sanremo? Dove il baldo presentatore Bonolis spiega, ammiccando: “Certo il Festival è un programma per famiglie, anche se ci saranno come ospiti le conigliette di Playboy, dipende dall’apertura mentale della famiglia!”.

13 comments

  • emily

    siamo proprio in sintonia io e te. stavo riflettendo stamattina che mi mette a disagio guarda re qualunque programma che nn sia un cartone animato con i miei figli xkè c’è sempre una scena di sesso esplicito.
    nn voglio fare la bigottona, ma mi mette a disagio guardarle con i ragazzi.
    ma devo rifletterci su questo, grazie del tuo post mi sento meno sola

  • Anonymous

    a proposito di scene di sesso esplicito… qualche suggerimento per l’illustrazione a vignette dei 10 comandamenti che sta preparando Pietro…? si è inceppato su “non commettere atti impuri” perché non ha ben capito cosa significa esattamente, … ma come cavolo glielo faccio disegnare???? help! Gio

  • lorenza

    una mamma che è vissuta per 10 anni a londra (non a kabul, per dire) è letteralmente scioccata dalla quantità di sesso/tette/sederi presenti nella TV e sui manifesti dei giornali italiani. Va in giro facendo piazza pulita intorno alle edicole davanti alle quali passa ogni mattina. Anche a me pare un problema serio, e di certo l’ipocrisia del buon Bonolis, non è una bella cosa.

  • Extramamma

    @Emily
    E’ proprio così se non ti entusiasmi perchè i tuoi figli vedono nudi ovunque sei considerata una babbiona! Mi fa piacere (per modo di dire, mal comune…) questo malessere. Ma cosa fare? Isolarli? Scappare su Marte?
    @Giò
    Ma è a catechismo? Se è così te la sei andata a cercare…O religione a scuola? avrei delle risposte ma sono tutte impubblicabili, alcune anche sui preti. Io mi ribelelrei e parlerei con l’insegnante che ha avuto la brillante idea di affibbiare questo compito.
    @Lorenza
    Sono contenta di avere la tua opionione, in effeti lo sospettavo che da noi sia “gnocca uber alles” per qualsiasi messaggio pubblicitario o politico.

  • lisa

    hai proprio ragione. anch’io, come ben sai, non sono bighettona, non ho parole! il nostro presidente del consiglio va ricoverato e anche urgentemente!! non puo’ sminuire la gravita’ della situazione facendo battutacce di cattivo gusto! cambiamo paese? l’altro giorno anche una nostra insegnante ha fatto incollare sul quaderno di storia una vignetta di un personaggio storico (donna) vesita come Lara Croft tette in evidenza e perizoma….! no comment!

  • alleg67

    concordo appieno, allora non sono solo su questo concetto, no , perché alle volte mi sento una marziana, e dire che vivo in un paese, molto particolare, pero’ posso dirvi che in Francia é anche peggio, epr cui non so, dovrebbero censurare certe cose, non si possono bombardare di immagini oscere ragazzini di 10 anni, non é normale!!

  • Renata

    Forse l’unica soluzione è anticipare i tempi e parlarne proprio in famiglia. Diventa più morbosa la ricerca del sesso se si cerca di nascondere, meglio spiegare in modo esplicito a quell’età.
    E poi non è che quando eravamo ragazze noi fosse diverso. Non c’era internet (e non è poco) ma di stimoli ne avevamo molti anche noi. Il drive in è degli anni ottanta e Madonna era il mio idolo quando andavo alle scuole medie e non era certo un modello di santità.

  • wwm

    la televisione italiana e internazionale di certo non aiuta.
    bisognerebbe seriamente pensare a come aiutare i nostri figli. Devo ammettere che la cosa mi spaventa. Il sesso è ovunque…

  • Extramamma

    @Lisa
    quello del cattivo gusto che dilaga anche a scuola è un altro aspetto del problema. Non tutte le insegnanti purtroppo hanno buongusto e la sensibilità giusta. Pensa che nel primo anno di materna di Anita, per la recitina finale avevno scelto di far ballare ai bimbi, ancheggiando “Movimento sexy”. Mi ero indignata ma ero stata una delle poche.
    @Alle
    In Marocco sono senz’altro più puritani che in Francia e forse in questo caso aiuta.
    @Renata
    Ricordo “Drive in” è stato l’inizio del successo della tv commerciale e da lì non ci siamo più fermati. La prima trasmissione fortunata di Ricci che poi ha approfondito il concetto velina :-((
    Madonna a quei tempi ha rappresentato un modello di liberazione femminile e quindi andava benissimo con i suoi corsetti, peccato che oggi, 25 anni dopo, sia anche lei vittima del suo personaggio sexy e continui a rollare il bacino in calze a rete a 50 anni!
    @wwm
    la piccoletta che hai in pancia crescerà è giusto che tu ti preoccupi :-)) chiedendoti se dovrai comprarle una mini guepierina a 5 anni!

  • Gloglo

    ok io mi dichiaro bacchettona. Non mi piace per niente tutto questo nudo/sesso in giro e spesso al femminile solo perchè il sesso fa vendere.
    La cosa che più mi ha fatto male è stata la copertina di un libro fantasy. Io l’avevo acquistato circa 18 anni fa e in copertina erano raffigurati i protagonisti in una scena del libro, vestiti normalmente. Anni dopo, ristampato, è stata scelta una copertina con una tettona svestita che niente aveva a che fare col personaggio del libro. non va bene…

  • piattinicinesi

    le bambine ricevono da piccolissime dei modelli fortemente sessualizzati, hai ragione, è atroce. rossana ricorda che era così anche prima,in realtà ha cominciato a desserlo a partire dalla nascita delle tv private nazionali, e lei infatti ricorda drive in, una trasmissione a quel tempo nuovissima sia per l’impostazione che per la nudità delle ballerine. essendo io più grande di età posso dire che prima non era così. i bambini oggi sono più aperti, fanno più domande e questo sicuramente è un bene, ma l’essere bombardati di messaggi non adatti a loro li rende anche molto confusi, e queto è preoccupante

  • Extramamma

    sono contenta che questo post abbia suscitato tante reazioni
    @Glo
    La storia della copertina del tuo libro è emblematica: il sesso vende, spariamolo ovunque, a prescindere.
    @piattini
    Concordo totalmente con te. Il problema poi di parlare e spiegare ai bambini è un po’ complesso, perchè se loro fanno domande si deve rispondere magari modulando un po’ a misura di bambino, ma se non chiedono spiegare a tutti costi è deleterio. A me hanno anche detto:”Mamma basta, ne parliamo un’altra volta…” perchè è tale il bombardamento di immagini e messaggi che la loro confusione supera la curiosità.

  • M di MS

    Quello che mi dà particolarmente fastidio è ‘esasperazione dei caratteri sessuali nei personaggi dei cartoni animati (per es. Winx ma anche tanti altri) e il fatto di attribuire a personaggi di bambini o adolescenti dei comportamenti adulti. Le storie parlano di bambini troppo svegli, che si comportano come i grandi, che hanno le tette, che indossano dei vestiti non adatti alla loro età. Storie in cui si dà per scontato il rapporto gruppo di ragazze-gruppo di ragazzi, nella più totale assenza del mondo adulto. Per es. Heidi mica si innamorava di Peter, mica doveva combattere i cattivi a tutti i costi, aveva un nonno, di adulti, anche negativi, ce n’erano insomma. E poi c’è quell’orrendo videogioco in cui le bambine sono invitate a costruire una vita fittizia, con “il tuo shopping”, e “il tuo naso”. Veramente troppo! Sono molto preoccupata, anche per mio figlio maschio.