Gattini inappetenti

In questo difficile momento economico in cui il governo vara manovre per aiutare le famiglie ad arrivare alla fine del mese, ci sono nuclei familiari che non vengono proprio toccati dalla crisi. Anzi. Un esempio eclatante: la famiglia della sceicca del Qatar. La signora quando viene a MIlano si prenota un intero piano dell’hotel Principe di Savoia, il più lussuoso della città e per i suoi micetti, una suite.
Le simpatiche bestiole però sono tristi, perchè sentono nostalgia di casa, e diventano inappettenti. Era già successo anche a Montecarlo, dove nonostante fossero piazzati in un’altra lussuosa location, i gatti sembravano fare come Pannella, lo sciopero della fame. Allora la sceicca, preoccupata, ha chiesto allo chef, del ristorante del Principe di Savoia, di fare come il collega di Montecarlo preparare cioè ai mici delle omelette. La ricetta ha funzionato e i cuccioli si sono finalmente sfamati.
La sceicca allora è andata serena a fare shopping, è entrata nel negozio di una famosa griffe della città e si è innamorata di un tavolo. Non era in vendita, faceva parte dell’arredamento dello store. Ma in questo periodo in cui gli acquisti sono in calo, nemmeno le firme più prestigiose possono essere tanto snob.
La sceicca ha detto: “Me lo incarti” e il tavolo è stato suo.

Storia vera, fonte sicura e ovviamente top-secret.

7 comments

  • wwm

    1) ho visto ora la nuova foto che hai messo. Siete stupende!
    2) posso non commentare questa notizia? Scusa ma mi fa proprio “girare i ball” come direbbe mio padre.

  • emily

    in questi giorni sto riflettendo su un concetto che ho sentito alcuni giorni fa.
    questa crisi tremenda nn è solo una fase, ma richiede un cambio di valori.
    ho sentito barak parlare più volte di sobrietà, e detto dal presidente della società più consumistica del paese.
    riprendere i consumi è quello che sento ripetere in continuazione: ma siamo sicuri che sia la strada giusta? consumare, sprecare…nn so, questa sultana e la sua allucinante condotta mi porta a pensare che ci sia qualcosa di profondamente sbagliato in una società che mette il consume come priorità.
    mah ci devo riflettere, grazie x la notizia, me l’ero persa!

  • RosaRossana

    Ti ho appena scoperto per caso e ne sono felice di questo perchè leggere il tuo blog è tanto piacevole!un abbraccio,Rox

  • M di MS

    Una che è costretta a comprare un tavolo per ravvivarsi la giornata…Che povera ricca!

    P.S.: ahò, la foto nuova mi sembra più fashion!

  • tiziana

    salve, arrivo da te tramite alleg67, ho letto questo post e…lo so, fa rabbia…ma io sono abituata a guardare l’altro lato della medaglia…mi spiego: nata, cresciuta, vissuta e tutt’ora vivo a Viareggio, dove metà delle famiglie vive grazie a stipendi che provegono dalla nautica…spesso nautica da diporto (= yacht privati più o meno grandi))comandanti e membri di equipaggi, ma anche lavoratori di cantieri navali, dagli impiegati alle maestranze, e ancora lavoratori dell’indotto(falegnami, carpentieri, verniciatori, elettricisti, tappezzieri etc) titolari o impiegati di piccole aziende che prendono i lavori in appalto durante la costruzione o la manutenzione di queste ville galleggianti…
    ebbene…se non ci fossero questi straricchi che si preoccupano dell’inappetenza dei micetti e si possono permettere di non badare a spese e di pretendere un tavolo non in vendita senza preoccuparsi di quanto può costare…noi avremmo altre fonti di sostentamento…dico noi perchè da quattro anni io lavoro nella scuola (che attualmente da la nausea e fa girare i santissimi quanto e più delle frivolezze degli sceicchi) ma per 20 anni anni ho lavorato nella nautica, in aziende che producono o commercializzano strumenti per la navigazione, in cantieri navali, in agenzie di compravendita, e per tre anni come marinaio su alcune di quelle “barche da sogno”…e ne ho viste di cose “curiose” per noi comuni mortali!
    Il mio ex marito invece, marinaio da 25 anni sulla stessa imbarcazione di una nota famiglia araba, ne ha viste più di me…anche se devo dire che i membri di questa famiglia sono persone stupende, che hanno rispetto per chi lavora per loro e malgrado gli sfarzi talvolta per noi incomprensibili, fanno star bene tutti…mentre ti posso assicurare che una volta io ho patito la fame, mentre il proprietario pasteggiava a champagne…ecco, li fa più rabbia, ti assicuro…
    scusa, ho fatto un commento che è un post…grazie per lo spazio! a presto…
    a proposito, piacere, tiziana alias, nel mondo web, http://www.salmastrosa.splinder.com

  • bstevens

    allegra e molto bella nuova foto! ps tavolo nuovo? gasp, servirebbe pure qua… B.

  • Gloglo

    Bè è vero salmastrosa, le notizie vanno sempre guardate da due lati, meno male che ogni tanto qualcuno ce lo ricorda!
    Sicuramente per una sceicca spendacciona c’è una community che ci mangia con le sue paturnie. Che i ricchi alla fine servano a qualcosa?

    Bellissime Patrizia, ma potevi anche includerci un braccio del sant’uomo! 🙂