Arpa, rose e trasloco


Tanto, tanto tempo fa maggio era chiamato il mese delle rose… ora siamo diventati più realistici e maggio è conosciuto come “l’ammazza-mamme”. In questo mese infatti le madri se non hanno un fisico bestiale e i nervi saldi possono soccombere. E non a causa dei troppi cioccolatini (ingurgitati per la festa della mamma), ma perchè talmente tante sono le cose da fare che anche le più organizzate, a fine mese, agonizzano. La scuola finisce e pure tutti i corsi dove si sono parcheggiati i pargoli e le madri sono invitate a saggi, cene e aperitivi di addio, shopping per regali alle maestre e alle rappresentanti di classe, incontri per capire come funzionano i centri estivi, comunioni, cresime e le più socievoli anche a comunioni e battesimi. A tutti questi simpatici eventi mondani ovviamente non si può nè bere nè mangiare perchè a giugno c’è la prova costume. Quindi quasi nessuna madre è però talmente masochista da pianificare anche un bel trasloco in questo mese letale. Beh, io l’ho fatto. Da una settimana inscatolo, impacchetto e impreco. Martedì arrivano i trasportatori. L’ultimo trasloco l’ho fatto quattro anni fa, ma in un umore molto più nostalgico: ho tenuto un sacco di fuffa inutile. Adesso sono implacabile e mi libero di quasi tutto. Soprattutto le cose degli altri, tanto non mi vedono e potrò sempre negare o usare la vecchia scusa “sarà in garage”. Ieri ho alzato la testa dagli scatoloni e ho goduto di un’ora d’aria. Ne ho approfittato per portare Anita e una sua amichetta a un pomeriggio musicale dedicato all’arpa. Questo strumento sta tornando molto di moda fra le ragazzine. Una mia amica fa parte di un’organizzazione di genitori che cerca di diffondere questa passione e ci ha invitato al saggio. Nel presentare le giovani artiste la mia amica cercava anche di convincere i genitori presenti che l’arpa non è poi uno strumento così scomodo e strano: in casa si può trattare come l’asse da stiro e nascondere di fianco a un armadio. Tutti si sono divertiti ma non la maestra d’arpa che è insorta, inorridita, dicendo che l’arpa in casa deve avere un posto d’onore ed essere guardata, o meglio, ammirata. Le piccole musiciste comunque, al di là dell’infelice gemellaggio arpa-asse da stiro, hanno dato il meglio di sè e io sono tornata ai miei scatoloni di buon umore: ho ammucchiato tante cose inutili, ma l’arpa finora l’ho sfangata.

One comment

  • Haemo Royd

    Suonavo la lira ma dal 2002 è sempre più difficile….
    Cià mamma
    H.